TV: SORPASSO DEL DIGITALE SULL’ANALOGICO, OLTRE 50%/ANSA

Condividi

TV: SORPASSO DEL DIGITALE SULL’ANALOGICO, OLTRE 50%/ANSA
TRASMISSIONE TERRESTRE AL 35%, SATELLITE AL 15,2%
ROMA
(ANSA) – ROMA, 30 MAR – Storico sorpasso della tv digitale su quella analogica. Il mese di febbraio ha visto prevalere la tv digitale in tutte le sue forme (terrestre, satellite, IPTV) rispetto alla tv analogica tradizionale. Le piattaforme digitali – lo scrive Digita, newletter dell’associazione Dgtvi – sono arrivate a conquistare nel complesso la quota del 51,2% sul totale del consumo televisivo. E la cosa curiosa è che la tv digitale, con il suo proliferare di canali, si guarda per più tempo al giorno. La più frequentata è quella terrestre, che registra il 35% del totale ascolto tv e vale da sola il 69% dell’intero comparto televisivo digitale. Il satellite è stabile al 15,2% e la tv su protocollo Internet è in uso solo nello 0,4% dei casi. Auditel ha poi una apposita voce nominata “non definita” che vale a febbraio lo 0,5% destinata ai pochi casi nei quali il meter non é ancora in grado di stabilire quale decoder sia attivo, tra un decoder integrato del digitale terrestre o una video station per l’IPTV: si tratta comunque di un consumo digitale. Oltre a crescere l’ascolto di televisione nell’ambiente digitale rispetto all’analogico, aumenta anche il tempo trascorso davanti alla tv. Nelle aree completamente digitali il tempo passato davanti alla tv cresce più del doppio rispetto al resto del paese e all’analogo periodo dell’anno scorso: è ormai di 267 minuti al giorno. Raddoppia anche il tempo dedicato ai canali digitali che in queste aree nella media quotidiana marzo 2009-2008 (dati al 24/3) sale da 42 a 87 minuti. In crescita anche l’offerta free su DTT con due nuovi canali prodotti dagli editori generalisti per target più mirati. Dal 22 marzo è arrivato sul digitale terrestre LA7d, il nuovo canale free di Telecom Italia Media: D come Donna, ma anche come Digitale, Dinamico o Diversità , con un’attenzione rivolta al mondo dei giovani e un approccio internazionale e cosmopolita. Nei prossimi mesi e previsto anche il debutto di contenuti nuovi per il grande pubblico italiano, come le esclusive dell’ Oprah Winfrey Show e del suo spin off, il Doctor Oz. Entro la fine di maggio poi anche Mediaset varerà  un nuovo canale gratuito sul digitale terrestre: La 5. Anche questo diretta filiazione della rete ammiraglia, da cui prende il nome, dirigendosi però specificamente a un target femminile di età  compresa fra i 15 e i 34 anni, da cui l’accento sul ‘La’ di La 5. Di tutto questo si parlerà  a ‘L’Italia è digitalé, la V Conferenza Nazionale sul digitale terrestre convocata per il 3 e 4 maggio prossimi al Teatro dal Verme di Milano. Un appuntamento per fare un bilancio e soprattutto per capire quello che ci aspetta con la stagione del grande switch-off del Nord Italia di quest’anno. (ANSA).
STF/ S0A QBXB