INTERNET: CINA; KROES (UE), CENSURA VA AFFRONTATA DA WTO

INTERNET: CINA; KROES (UE), CENSURA VA AFFRONTATA DA WTO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 17 MAG – La censura del web imposta dalla Cina costituisce una barriera al commercio perché impedisce il libero scambio di informazioni e quindi dovrebbe essere esaminata dall’Organizzazione mondiale del commercio (Wto). Lo ha detto la vicepresidente della Commissione europea Neelie Kroes, oggi in visita a Shanghai. Il blocco di Internet “é uno di quegli argomenti che necessitano di essere affrontati dal Wto”, ha dichiarato Kroes ai giornalisti, secondo quanto riportano le agenzie internazionali. La censura è un ostacolo al commercio “perché é una barriera reale alla comunicazione”, ha aggiunto Kroes, che è anche responsabile dell’agenda digitale dell’Ue. La legge cinese impone alle Internet company di bloccare o rimuovere dalla rete una serie di contenuti, che spaziano dalla pornografia al dissenso politico. Conosciuta come “il grande firewall della Cina”, la legge blocca l’accesso a siti come Facebook, Twitter e Youtube, considerate piattaforme che consentono la condivisione di contenuti illeciti. “Sto facendo pressione ovunque posso per far avere spazio alle aziende europee in Cina, e viceversa”, ha affermato Kroes. L’ex commissario Ue per la concorrenza non ha rilasciato commenti su Google, che a marzo ha smesso di filtrare i risultati sul suo motore di ricerca in lingua cinese per protestare contro la censura e contro gli attacchi informatici che sarebbero partiti dalla Cina. (ANSA).
Y89-VC/ NIE S0A S04 QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)