GIORNALISTI: CORTE STRASBURGO, FORZARE TITOLI SI PUO’

POL:GIORNALISTI
2010-06-01 16:50
GIORNALISTI: CORTE STRASBURGO, FORZARE TITOLI SI PUO’
RIENTRA IN LIBERTA’ STAMPA E NON CI PUO’ ESSERE CONDANNA
STRASBURGO
(ANSA) – STRASBURGO, 1 GIU – Un titolo un po’ forzato o esagerato per esaltare uno scoop giornalistico? Rientra nella libertà  di stampa e non può essere oggetto di condanna da parte delle autorità  giudiziarie. E’ quanto stabilito dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, secondo la quale i tribunali nazionali non hanno il diritto di giudicare le tecniche che i giornalisti adottano per attrarre l’attenzione dei lettori. La sentenza della Corte riguarda la Spagna, le cui autorità  giudiziarie hanno condannato, in ogni grado di giudizio, un editore e un giornalista del quotidiano Diario 16 a pagare una multa per il titolo di un articolo che metteva in relazione la famiglia reale del Marocco con il traffico di droga. Nella sentenza i giudici di Strasburgo hanno sottolineato come il titolo e il contenuto di un articolo vanno analizzati assieme; e come, nel caso specifico, se è vero che il titolo era ‘esagerato’, le informazioni riportate nel testo erano corrette. La Corte ha quindi ribadito come il diritto alla libertà  di stampa consente un certo grado di ricorso all’esagerazione. (ANSA).
Y5Y-CU/ ST1 S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo