Google/ Anche l’Australia indaga su violazione privacy

Condividi

Google/ Anche l’Australia indaga su violazione privacy

Su rilevazioni dati da reti internet senza fili non protette

Roma, 7 giu. (Apcom) – Dopo la Germania anche l’Australia ha avviato una indagine su possibili violazioni della privacy da parte di Google, tramite le rilevazioni di dati su connessioni internet senza fili (Wi-Fi) non protette, che sono state effettuate durante la sua campagna di mappatura delle strade delle varie metropoli. Lo riporta il sito web del Guardian.

L’indagine è stata apertà  dalle autorità  australiane all’indomani della decisione da parte del colosso informatico Usa di fornire i dati di utenti ignari acquisiti durante la mappatura delle strade alle autorità  di vigilanza sulla privacy di Francia, Germania e Spagna.

Anche in Italia il Garante per la privacy ha avviato lo scorso mese un’istruttoria nei confronti di Google per verificare la liceità  e la correttezza del trattamento dei dati personali effettuato nell’ambito del servizio Street View. Lo scorso 14 maggio, davanti all’autorità  tedesca per la protezione dei dati, la società  informatica americana aveva ammesso di aver registrato “involontariamente” le attività  online degli utenti di reti pubbliche wi-fi con le antenne delle sue auto che dal 2007 girano le strade di tutto il mondo per creare le mappe fotografiche consultabili su Street View.