INTERCETTAZIONI:PRONTI EMENDAMENTI, STRETTA SU EDITORI/ANSA

POL:INTERCETTAZIONI
2010-06-07 21:29
INTERCETTAZIONI:PRONTI EMENDAMENTI, STRETTA SU EDITORI/ANSA
SI STUDIANO NUOVE SANZIONI; RESTA ‘NODO’ SU PROROGA 48 ORE
ROMA
(di Anna Laura Bussa) (ANSA) – ROMA, 7 GIU – Sul ddl intercettazioni gli editori potrebbero essere chiamati a rispondere anche penalmente. In uno degli emendamenti che ancora si stanno finendo di limare al Ministero della Giustizia si prevede, infatti, che gli editori diventino punibili per la pubblicazione di intercettazioni di cui era stata ordinata la distruzione. Per loro si sta parlando di un pagamento tra le 100 e le 300 quote: il che significa una somma complessiva, nel massimo, di oltre 450 mila euro. Resterebbe invece ridotta tra le 100 e le 150 quote la sanzione che dovrebbero versare nel caso in cui si tratti di intercettazioni coperte da segreto o comunque pubblicate prima della conclusione delle indagini preliminari. In vista di domani, quando la maggioranza si confronterà  sulle Intercettazioni nell’ ufficio di presidenza del Pdl, il relatore del testo Roberto Centaro ha lavorato per quasi tutto il giorno con gli altri ‘tecnici’ della Giustizia per mettere a punto circa nove proposte di modifica che accolgano buona parte delle perplessità  del Quirinale e dei finiani. In sostanza, si è cercato di mettere nero su bianco tutti quei principi emersi dall’ultimo vertice al Senato con il Guardasigilli Angelino Alfano della settimana scorsa. Tra gli argomenti su cui si sta ragionando c’é anche il cosiddetto ‘emendamento Ghedini’ e cioé la possibilità  di prorogare di 48 ore in 48 ore il tetto massimo fissato per la durata delle intercettazioni: 75 giorni. Nella bozza di emendamento che si sta mettendo a punto si prevede la possibilità  di chiedere proroghe di 48 ore in 48 ore solo nei casi in cui si possano acquisire “elementi fondamentali per l’accertamento del reato per cui si procede” o se si ravvisa la possibilità  di poter impedire che venga commesso un altro reato che risulti però sempre intercettabile. In questi casi la proroga potrà  essere disposta direttamente dal Pm, ma il Gip collegiale del Tribunale distrettuale del capoluogo dovrà  convalidarla dopo esserne stato informato non oltre le 24 ore. Questo, secondo quanto si apprende, sarebbe uno dei nodi ancora da sciogliere in vista di domani. Per quanto riguarda la norma che esclude l’arresto obbligatorio in flagranza per gli atti sessuali con minori, nei casi di lieve entità , il principio sembra confermato. Verrebbe solo riscritto tecnicamente in modo più preciso per far capire che siccome l’arresto facoltativo è previsto anche per i casi più lievi di violenza sessuale non si capisce perché non si possa prevedere la stessa cosa per gli atti sessuali con minori. Si è trovata una soluzione anche per le intercettazioni ambientali che il ministro dell’Interno Roberto Maroni ha definito un “buon accordo”: le cimici si potranno applicare, purché non in luoghi di privata dimora, anche se non si ha la certezza che nel luogo che si vuole controllare si stia svolgendo un reato. La riunione annunciata tra finiani e berlusconiani per fare il punto sul ddl non c’e stata, ma si sa che numerosi sono stati i contatti telefonici. I finiani fanno sapere che se gli emendamenti resteranno quelli annunciati dai vertici del gruppo Pdl al Senato non ci saranno grosse obiezioni da fare. Il Pd continua a esprimere un giudizio negativo sul testo, come sottolinea il responsabile Giustizia del partito Andrea Orlando, mentre Emma Bonino accusa il centrodestra di legiferare sulla materia “in modo demenziale”. Domani, comunque, per il ddl intercettazioni sarà  senz’altro il giorno della verità : dopo l’Ufficio di presidenza del Pdl, si riunirà  la commissione Giustizia per votare i due emendamenti accantonati la scorsa settimana (norma transitoria e atti sessuali con minori). E per il pomeriggio è convocata l’Aula. Secondo quanto si apprende il presidente di Palazzo Madama Renato Schifani dovrebbe dare tempo per presentare subemendamenti ai nuovi emendamenti del relatore Centaro e non si esclude che anche l’esame delle ulteriori proposte di modifica possa tornare di nuovo in Commissione. “Quello che auspichiamo – conclude il presidente della Commissione Giustizia Filippo Berselli – è che giovedì si arrivi al voto in Aula”.(ANSA).
BSA/IMP S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo