RAI: VIGILANZA, OK A BOLLINO VERDE, TORINO SEDE TV RAGAZZI ra

Condividi

POL:RAI
2010-06-08 16:32
RAI: VIGILANZA, OK A BOLLINO VERDE, TORINO SEDE TV RAGAZZI
NO A SECONDO TG PER I PICCOLI E A SPAZIO PER CROCE ROSSA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 8 GIU – Sì al telegiornale regionale sottotitolato e tradotto in lingua dei segni e al bollino che indica la possibilità  di visione da parte dei bambini da soli, no al secondo Tg dei ragazzi la domenica. Via libera anche a Torino quale sede della tv dei più piccoli. Sono alcune delle decisioni prese dalla Commissione di Vigilanza Rai, impegnata nell’esame degli emendamenti al parere sul contratto di servizio tra Viale Mazzini e il ministero dello Sviluppo economico. Nell’ambito della discussione dell’articolo 12, relativo alle norme sui minori, non è passato un emendamento, appoggiato dal presidente della Commissione per l’infanzia, Alessandra Mussolini, che chiedeva di inserire nel contratto la previsione di un secondo tg dei ragazzi, oltre a quello già  trasmesso da Raitre, eventualmente la domenica. Via libera invece all’emendamento, presentato dal vicepresidente, Giorgio Merlo, secondo cui “il Centro di Produzione di Torino diventa il distretto produttivo specializzato nell’offerta dedicata al pubblico dei minori”. Si prevede inoltre, che, entro tre mesi dall’entrata in vigore del contratto la Rai indichi, non solo i programmi visibili da adulti e da minori accompagnati come previsto dallo schema del contratto di servizio, ma anche dai più piccoli da soli. Via libera all’emendamento sulla promozione di modelli femminili e maschili egualitari e non stereotipati, mentre è stato bocciato il monitoraggio specifico sui programmi per i minori, anche se il controllo potrebbe essere affidato all’osservatorio sulla dignità  della persona, approvato nelle scorse sedute. Nell’ambito delle norme relative alla programmazione per i disabili, è stata reinserita una norma che era nel precedente contratto di servizio, ma non in quest’ultimo: la previsione di almeno un’edizione al giorno di un telegiornale regionale sottotitolato e tradotto nel linguaggio dei segni. Via libera anche al monitoraggio sulla qualità  della programmazione per i disabili. Approvato anche un emendamento, proposto dal relatore Roberto Rao, per l’inserimento di una sezione dedicata ai reclami nel portale della Rai. Bocciata invece la norma, nata sulla scia de reclami seguiti alla tragedia di Haiti, che obbligava la Rai, in occasione di interventi umanitari, a consentire l’accesso al servizio pubblico alla Croce Rossa per la richiesta di donazioni. (ANSA).
CAS/ S0A S56 QBXB