INTERCETTAZIONI: LA MAGGIORANZA NON ESCLUDE VOTO DI FIDUCIA (IL PUNTO)

INTERCETTAZIONI: LA MAGGIORANZA NON ESCLUDE VOTO DI FIDUCIA (IL PUNTO)
(ASCA) – Roma, 9 giu – Riprende nell’Aula del Senato alle 15 la discussione sul disegno di legge riguardante le nuove norme sulla regolazione delle intercettazioni. Questa mattina torna intanto a riunirsi la Commissione giustizia di Palazzo Madama per esaminare gli ultimi emendamenti. La maggioranza insiste per il voto finale entro la giornata di domani ed e’ quindi possibile che per raggiungere questo risultato il governo chieda oggi il voto di fiducia. Una scelta di questo tipo renderebbe molto rapidi i tempi di approvazione anche da parte della Camera, dove si ripeterebbe il voto di fiducia. A spingere in questa direzione e’ l’esito della riunione dell’Ufficio di presidenza del Pdl che si e’ svolto ieri nella residenza del premier a Palazzo Grazioli. Il testo scaturito dal confronto sugli ultimi emendamenti viene infatti considerato ”blindato” da Silvio Berlusconi, che si e’ astenuto sul via libera al provvedimento finale ritenendolo non del tutto coerente con gli impegni elettorali del suo partito. E’ stato lo stesso presidente del Consiglio a dichiarare: ”Abbiamo votato all’unanimita’ e c’e’ stata una sola astensione di cui mi rammarico: la mia… L’ho fatto perche’ questa disciplina non risponde in pieno alla promessa che noi abbiamo fatto nel nostro contratto con gli elettori”. E a chi gli ha chiesto un giudizio di merito sulle norme che regoleranno le intercettazioni, precisa: ”Ora abbiamo ridotto il periodo a 75 giorni rinnovabili con una proroga eventuale ed abbiamo ridotto la possibilita’ della fuga di notizie, con pesanti pene per i responsabili, e cosi’ abbiamo praticamente impedito la pubblicazione di intercettazioni su stampa e tv”. I cambiamenti inseriti nel testo iniziale del disegno di legge sono tredici, illustrati ieri nell’Aula di Palazzo Madama dal senatore Roberto Centaro, Pdl, relatore di maggioranza. Il nuovo testo prevede: terminati i 75 giorni di durata massima delle intercettazioni telefoniche, il Pm potra’ chiedere una proroga di tre giorni in tre giorni se dovesse riscontrare il rischio che si stia per compiere un nuovo reato o se si tratti di una prova fondamentale; viene fissato in 3 giorni (prorogabili di tre in tre) la durata delle intercettazioni ambientali. Nel testo restano le pene per gli editori, che possono pagare ammende fino a oltre 450 mila euro nel caso pubblichino intercettazioni espunte dal processo o giudicate irrilevanti per il procedimento. Per quanto riguarda la cosiddetta ”norma transitoria”, una volta approvato il disegno di legge entreranno in vigore le sanzioni per giornalisti ed editori. Ci sara’ invece un anno di tempo per applicare la norma che prevede il semaforo verde per le intercettazioni da parte del giudice collegiale e non piu’ del Gip. Le nuove norme, infine, non dovrebbero essere applicate alle inchieste in corso. Molto soddisfatta del risultato finale e’ l’ala finiana del Pdl. Il presidente della Camera Gianfranco Fini ha infatti dichiarato: ”Il testo ora e’ garanzia di legalita’ e di lotta al crimine”. In effetti, erano stati proprio i finiani a chiedere i cambiamenti del testo sulle norme riguardanti la proroga degli ascolti, la pubblicazione degli atti sui giornali, le pene per gli editori e la norma transitoria. La possibilita’ della richiesta del voto di fiducia ha nel frattempo irrigidito nuovamente la posizione delle opposizioni. Anche l’Udc, oltre a Pd e Idv, annuncia voto contrario sul provvedimento. Dichiara infatti Pier Ferdinando Casini: ”Non siamo alla Camera per timbrare: l’assemblea di Montecitorio deve avere un ruolo politico. Non mi piace questo modo di affrontare questioni cosi’ importanti, cosi’ come non ci piace questa legge sulle intercettazioni sulla quale voteremo contro”. Malgrado la blindatura del testo da parte della maggioranza, c’e’ una ultima incognita sulla dirittura finale del disegno di legge sulle intercettazioni: riguarda il giudizio del presidente Giorgio Napolitano sulla costituzionalita’ di alcune delle nuove norme. Secondo alcune indiscrezioni, il sottosegretario Gianni Letta e i tecnici del Quirinale sarebbero al lavoro in particolare sulla norma che prevede 72 ore come limite temporale di ogni singola proroga del periodo in cui si puo’ intercettare (nella prima formulazione del testo il limite era stato fissato a 48 ore) e sulla ”norma transitoria”. Su quest’ultimo punto, il Quirinale riterrebbe non costituzionale una applicazione delle nuove regole che operi discriminazioni fra i processi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo