RAI/CALCIO: PREZIOSI, DA OGGI RADIOUNO E’ LA RADIO DEI MONDIALI

Condividi

RAI/CALCIO: PREZIOSI, DA OGGI RADIOUNO E’ LA RADIO DEI MONDIALI
(ASCA) – Roma, 11 giu – Da oggi per un mese Radio Uno ”diventa la radio dei mondiali” di calcio, che tra poche ore prenderanno il via in Sud Africa. Lo afferma nel suo editoriale il direttore del Giornale Radio Rai Antonio Preziosi, illustrando le caratteristiche della programmazione della rete radiofonica. ”Comincia la grande avventura – dice Preziosi – e per un mese tutto il mondo guardera’ al Sudafrica. Ci guidera’ la passione per il calcio. Inseguiremo le gesta, i dribbling, i goal degli atleti mondiali. Con la speranza che anche quest’anno la coppa del mondo ritorni nel nostro paese”. Ma, aggiunge, ”seguiremo i mondiali anche guardando a questo meraviglioso, affascinante ed ancora misterioso continente africano. Penseremo alle tante ombre e alle tante luci dell’Africa. Penseremo a Nelson Mandela, alla sua battaglia contro l’apartheid”. La squadra mondiale di Radio Uno vedra’ ‘in campo’ giornalisti insieme a gente di spettacolo, artisti, cantanti. Ci saranno Broccoli, Falcetti, Forbice, Bonaccorti. E poi Simona Ventura, Pupo, Annalisa Manduca, Jo Squillo. Ancora, Giancarlo Loquenzi, Francesco Graziani, Francesca Paltracca, Tiziana Ribichesu. Numerose saranno le rubriche, le strisce quotidiane all’interno della programmazione: fra queste ‘Avventura mondiale’, ‘Dentro i mondiali’, ‘Diario azzurro’, ‘La moviola’, ‘Sostiene Tardelli’. Ci sara’ poi ‘Gold’africa’. E’ questo il titolo, spiega Preziosi, che ”Riccardo Cucchi si e’ inventato per raccontare le gesta sportive. Gol d’africa come reti, marcature. Ma anche Gold, come la parola oro, tradotta in inglese. O semplicemente come una assonanza con quella espressione, ‘mal d’Africa’ ci attanagliera’ quando le luci del mondiale si saranno spente sopra Johannesburg”. Ma intanto, continua, ”godiamoci insieme questo calcio d’inizio. Per un mese Radio Uno diventa la radio dei mondiali. 64 partite tutte in diretta, commenti, emozioni, racconti, con i nostri inviati sui campi di calcio. Con la speranza che vinca il migliore. E che il migliore, anche quest’anno – conclude Preziosi – abbia una maglia di colore azzurro”.