TLC: ANTITRUST, RECUPERARE RITARDI; BERNABE’ CONCORDA /ANSA

ECO:TLC
2010-06-15 18:07
TLC: ANTITRUST, RECUPERARE RITARDI; BERNABE’ CONCORDA /ANSA
ROMANI, A BREVE TAVOLO COMUNE; BERTOLUZZO,SIAMO A BRACCIA APERTE
MILANO
(ANSA) – MILANO, 15 GIU – Antitrust, Telecom e operatori alternativi riaffermano i loro punti di vista sulla banda larga in Italia, ma il fattore tempo sembra diventare determinante. “Va recuperato il ritardo”, bacchetta l’Authority guidata da Antonio Catricalà  nella sua relazione annuale, e il vice ministro Paolo Romani cerca di stringere promettendo che nei prossimi giorni chiamerà  i principali protagonisti a discuterne a un tavolo comune. La ‘moral suasion’ del Governo parte da un punto condiviso: le infrastrutture. “Su questo stiamo aprendo il confronto, a giorni auspico ci possa essere quell’incontro di cui si parla da tempo” tra Telecom, Vodafone, Fastweb e Wind, ha detto Romani a margine della relazione annuale al Parlamento da parte del Garante della concorrenza. L’Autorità  “non è pregiudizialmente contraria a ipotesi di cooperazione tra imprese rivali, purché siano garantite l’assenza di pratiche nocive per la concorrenza e la neutralità  nella gestione della rete. Le regole di governance dovranno a tal fine essere valutate dall’Antitrust”, fa presente Catricalà  nella sua relazione. Si ammorbidisce dunque la posizione dell’Authority, storicamente contraria ai consorzi tra imprese concorrenti. “Una società  che avesse tra i propri soci tutti i concorrenti nella trasmissione a banda larga – rifletteva un paio d’anni fa lo stesso Catricalà  – costringerebbe noi a una vigilanza praticamente impossibile e l’Autorità  per le tlc a una regolazione troppo dettagliata, oltre tutto con scarsi risultati”. Qui però si parla di cavidotti, fibre spente ed eventualmente i tralicci per la copertura radio che, spiega un esperto come Stefano Pileri, presidente di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, “possono essere un fattore comune a tutti e che rappresentano il 65% dell’investimento totale”. “La dimensione degli investimenti richiede l’intervento di più soggetti privati e di società  pubbliche che ritengano profittevole la spesa”, sottolinea nella sua relazione Catricalà . Un riferimento condiviso dall’amministratore delegato di Telecom, Franco Bernabé, per il quale è giusto che ci sia “un intervento pubblico” e che siano garantite “condizioni di redditività  degli investimenti”. Intanto arriva dal Financial Times un nuovo pungolo: Telecom Italia dovrebbe “mettere da parte le sue tendenze da monopolista e unirsi al consorzio” composto dagli operatori alternativi, scrive il giornale in articolo del suo columnist, Paul Betts. “Siamo a braccia aperte”, commenta l’amministratore delegato di Vodafone Italia, Paolo Bertoluzzo. “E’ la logica della nostra iniziativa – ha detto a margine della relazione annuale dell’Antitrust – è un’iniziativa di sistema che è tanto più di successo e forte per il Paese, tanto più è partecipata da tutti”. “Il ruolo del governo – ha osservato l’ad – è fondamentale, così come quello dell’Autorità “, il cui punto di vista sulle tlc è definito “assolutamente condivisibile”. (ANSA).
BF/ S42 S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi