RAI: MASI, PER RUFFINI NON RIMOZIONE MA NORMALE AVVICENDAMENTO

Condividi

RAI: MASI, PER RUFFINI NON RIMOZIONE MA NORMALE AVVICENDAMENTO
(ASCA) – Roma, 16 giu – L’ordinanza del giudice del lavoro di Roma, che ha reintegrato Paolo Ruffini alla direzione di Raitre ”e’ totalmente infondata in fatto e in diritto e questo lo abbiamo scritto anche nel reclamo che verra’ discusso in udienza il 16 luglio”. In ogni caso, per Ruffini ”non c’e’ stata alcuna rimozione ma si e’ trattato di normale avvicendamento aziendale”. Lo ha detto il direttore generale della Rai, Mauro Masi, nel corso dell’audizione alla Commissione di Vigilanza. Per Masi ”le sentenze della magistratura devono essere rispettate e la Rai ha adempiuto ai suoi obblighi reintegrando Ruffini. Ma consideriamo l’ordinanza totalmente infondata in fatto e in diritto e questo lo abbiamo scritto anche nel reclamo che verra’ discusso in udienza il 16 luglio”. Il dg di Viale Mazzini ha spiegato che secondo la Rai ”gli incarichi affidati a Ruffini”, dopo che e’ stato sostituito alla guida di Raitre, ”erano prestigiosi”. Per questo, ha ribadito, la sentenza e’ ”totalmente infondata in fatto e in diritto” e ”noi l’abbiamo applicata ma con riserva”. Per Masi, dunque, quella di Ruffini non e’ stata una ”rimozione”, come invece l’ha definita il vicepresidente della commissione di vigilanza Rai, Giorgio Merlo, quanto un ”normale avvicendamento”, visto che dirigeva Raitre ”da 7 anni, quasi un record assoluto”, ha sottolineato Masi.