Rai/ Assemblea Rainews 24: non rinviabile confronto su suo ruolo

Apc-Rai/ Assemblea Rainews 24: non rinviabile confronto su suo ruolo
Respingiamo qualunque ipotesi di modica natura all-news
Roma, 18 giu. (Apcom) – “Il confronto non è più rinviabile. La Rai deve dare risposte chiare sul futuro, la missione e il ruolo di Rainews24”. E’ la richiesta che arriva all’unanimità  dall’assemblea dei giornalisti del canale all-news.
“L’impegno preso dal Direttore generale della Rai Mauro Masi davanti alla Commissione parlamentare di Vigilanza – prosegue – a una ‘forte valorizzazione’ di Rainews24 si al più presto deve tradurre da parole in fatti. L’assemblea respinge qualunque ipotesi che modifichi la natura della prima all-news italiana, come la ventilata ‘trasformazione in Agenzia’. I dati di ascolto in costante aumento dimostrano che con mezzi e risorse adeguati Rainews24 è in grado di battere la concorrenza. A questo proposito, i primi dati dimostrano che la decisione di togliere dal 3 maggio all’11 giugno a Rainews lo spazio in chiaro su Rai3 dalle 7 alle 7.30 è stata un boomerang per la Rai. Nei primi 4 giorni di questa settimana, il ritorno in chiaro de ‘Il Caffè’ ha fatto registrare un aumento di quasi il 2% dello share di Rai3 rispetto agli stessi giorni della settimana precedente (13,6% rispetto all’11,9%)”.

Red/Mdr

181107 giu 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi