RAI: VERRO (CDA), ANNOZERO IN ONDA SE SANTORO RESTA

Condividi

RAI: VERRO (CDA), ANNOZERO IN ONDA SE SANTORO RESTA
A KLAUS DAVI; DANDINI IN PERDITA, CON RUFFINI PERDEREMO CAUSA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 18 GIU – “La Dandini è in perdita; Annozero andrà  in onda se il conduttore decide di rimanere: Santoro e Annunziata sono uniti dall’odio per Berlusconi; Con Ruffini perderemo ricorso…”. Così il consigliere del Cda Rai Antonio Verro, intervistato nel corso di KlausCondicio, la trasmissione di approfondimento politico di Klaus Davi in onda su YouTube. Sulla trasmissione di Raitre ‘Parla con Me’, Verro conferma a Davi i dati di cui ha parlato recentemente Alessio Gorla (8 milioni di costi ogni anno a fronte di 1 milione di ricavi pubblicitari, ndr) e dice: “Vorrei capire il vero motivo per cui la Dandini va in onda. Si tratta di una questione legata ai suoi ascolti oppure è un discorso legato ad un fatto politico di ‘liberta”. E aggiunge ‘Parla con me’ parte da una posizione di 4 serate, in conflitto col fatto che alcune seconde serate di Rai 3 dovrebbero essere destinate ai 150 anni dell’Unità  d’Italia. Quindi è logico ipotizzare e prevedere almeno 2/3 serate alla Dandini e il resto a Minoli”. Il Consigliere di maggioranza dice su Annozero “tutto è legato alla decisione di Santoro di rimanere in RAI o meno:”Stando alle sue parole, in conferenza stampa, pare che abbia deciso di restare”. E aggiunge “La mia sensazione è che tutto rimarrà  come prima”. Verro sostiene poi che il conduttore di Annozero e Lucia Annunziata “convergono su un punto: l’odio per Berlusconi. Da questo mondo radical chic che fa moda e tendenza, Berlusconi, a prescindere da quello che fa, non è mai stato accettato e non lo sarà  mai”. Su Ruffini teme invece che l’azienda perderà  il ricorso contro “il reintegro alla guida di Rai 3 e la cosa francamente mi dispiace. Temo in particolare le ripercussioni che una sentenza del genere possa avere nei confronti dell’azienda, perché sembra fissare dei parametri molto rigidi sul concetto di equivalenza tra le Direzioni”. Inoltre sul fatto che Fabio Fazio Fazio viene pagato 2 milioni di euro “significa che l’azienda crede in lui”.
TH/ S0A QBXB