MEDIATRADE: GUP, ATTI A CONSULTA SU LEGITTIMO IMPEDIMENTO

MEDIATRADE: GUP, ATTI A CONSULTA SU LEGITTIMO IMPEDIMENTO
(ASCA) – Milano, 24 giu – La normativa sul legittimo impedimento e’ incostituzionale, e per questo il Gup di Milano, Marina Zelante, ha inviato alla Corte Costituzionale gli atti dell’inchiesta Mediatrade. L’inchiesta, un filone del processo Mediaset sulla presunta creazione di fondi neri creati dal Biscione attraverso le operazioni di compravendita dei diritti televisivi all’estero, coinvolge 12 persone, tra cui il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, suo figlio Pier Silvio, e il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri. Nei giorni scorsi i difensori di Berlusconi avevano depositato l’istanza di legittimo impedimento per il premier, impegnato in questi giorni in un viaggio istituzionale per il G20 in Canada, e disponibile a presentarsi davanti ai giudici milanesi soltanto il 27 luglio. Ma anziche’ accogliere la richiesta di rinvio avanzata dai legali di Berlusconi, il Gup Marina Zelante ha sollevato l’eccezione di costituzionalita’ sulla normativa del legittimo impedimento inviando alla Corte Costituzionale gli atti dell’inchiesta. Il giudice milanese e’ quindi tornato in Camera di consiglio per valutare l’ipotesi di stralciare la posizione di Silvio Berlusconi rispetto a quella degli altri imputati.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi