Manovra/ Cgil: Sciopero domani anche per libera informazione

Manovra/ Cgil: Sciopero domani anche per libera informazione
Fammoni: appello per manifestazione primo luglio piazza Navona

Roma, 24 giu. (Apcom) – Nello sciopero generale in programma domani 25 giugno e indetto dalla Cgil “saranno presenti anche i temi della libera informazione e della giustizia, dei tagli alla cultura allo spettacolo e all`editoria, delle gravissime ripercussioni che questi comportano per l`occupazione in questi settori”. Lo annuncia il segretario confederale dell`organizzazione sindacale, Fulvio Fammoni.

Il dirigente sindacale fa sapere che “domani, in tutte le piazze, sarà  diffuso e letto l`appello per la manifestazione del primo luglio a piazza Navona e che vede la Cgil come una delle organizzazioni promotrici. Inoltre, in diverse piazze d`Italia, prenderanno la parola lavoratori del mondo dell`informazione e della cultura mentre i lavoratori poligrafici e dell`emittenza privata sciopereranno in concomitanza con la giornata del silenzio del 9 luglio. Il tema `no a i tagli e ai bavagli` fa parte a pieno titolo – conclude Fammoni – della piattaforma per il diritto al lavoro, per lo sviluppo, contro tagli iniqui e per la difesa del dettato costituzionale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale