Intercettazioni/ Bozza emendamenti Pdl: Invariate multe editori

Intercettazioni/ Bozza emendamenti Pdl: Invariate multe editori

Cala la pena per il ‘comma D’Addario’: fino a tre anni

Roma, 12 lug. (Apcom) – Nessuna modifica per le multe agli editori dei giornalisti che pubblicano un ascolto nelle bozze di emendamento al ddl intercettazioni che il Pdl in vista della presentazione domani in Commissione Giustizia alla Camera. E’ quanto si apprende da fonti parlamentari.

Per quanto riguarda il cosiddetto ‘comma D’Addario’, ossia quello che prevede il carcere da sei mesi a quattro anni per chi privatamente memorizza un colloquio o un incontro, andrebbe essere ridotta “fino a tre anni”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo