TLC: COLAO; INTERNET SU CELLULARI E’ SEMPRE PIU’ BUSINESS

TLC: COLAO; INTERNET SU CELLULARI E’ SEMPRE PIU’ BUSINESS
SMARTPHONE ORMAI FENOMENO DI MASSA; NO A SISTEMI CHIUSI
LONDRA
(ANSA) – LONDRA, 14 SET – Il business della trasmissione dati su telefonia mobile – ovvero internet sul cellulare – “sta esplodendo”. Il fenomeno ormai non coinvolge più solo “la parte alta del mercato” ma sta “coinvolgendo le masse”, aprendo così nuove opportunità  per tutto il settore delle telecomunicazioni. Siamo insomma alla “democratizzazione dello smartphone”. A parlare è Vittorio Colao, CEO di Vodafone, ospite speciale del Nokia World di Londra. Che nel delineare le abitudini di consumo ormai conclamate dei clienti Vodafone prevede un futuro prossimo in cui “la maggioranza del traffico internet avverrà  su piattaforme mobili”. Internet, insomma, significa sempre di più telefonino-intelligente. Un mondo che, per Colao, dovrà  reggersi su cinque pilastri: la qualità  dei network; la diversità  dell’hardware – che siano smartphone di fascia alta o media, tablet, prodotti dedicati ai mercati emergenti, l’importante è garantire ai consumatori “scelta e competitività “; la varietà  dei contenuti e dei servizi – per Colao la diffusione dei social network raddoppierà , così come quella dei servizi di navigazione tipo Google map o Nokia Ovi; il giusto bilanciamento dei prezzi per gli utenti nonché la corretta ridistribuzione dei profitti tra gli operatori – il che include sviluppatori di app e produttori di contenuto come i media. Ecco perché, per il numero uno di Vodafone, la vera scommessa sta nell’evitare la creazione “di un sistema di gestione chiuso, verticale”, ma di scommettere anzi su un ambiente “aperto”, che non limiti “la scelta dei consumatori”. In questo senso Colao vede essenziale procedere al “decap” del mercato delle applicazioni. “Altrimenti”, conclude, “andremo verso uno scenario doev i prezzi si alzano e i volumi scendono”. (ANSA)
Z08/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)