Brightcove e TubeMogul presentano la ricerca sul video online nel secondo trimestre 2010

I video nei siti web dei quotidiani aumentano del 65%; Facebook in corsa per divenire secondo dopo Google in termini di traffico video entro la fine dell’anno.

Brightcove, la principale piattaforma di video online, e TubeMogul, piattaforma di analisi e advertising video online, hanno pubblicato il rapporto Online Video & The Media Industry Quarterly Research Report per il secondo trimestre del 2010. Il report analizza i dati del video online su un campione di 2.000 siti di notizie e intrattenimento per un totale di 3,4 miliardi di stream video.

Tra i riscontri più interessanti:

– Forte aumento dei video online sui siti dei media, il disastro petrolifero nel Golfo del Messico spinge il  traffico video dei quotidiani

– La video discovery online si modifica; Facebook emerge quale principale driver di traffico per il video online

– L’engagement è una funzione che indica da dove arrivano i visitatori e dove guardano i video

– I marketer indicano un aumento negli investimenti in video online e nelle iniziative mobili

Online Video & the media Industry (pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Covid: oltre 70mila contenuti generati online dalle parole dei virologi. Reputation Science: troppe informazioni, tra incoerenza e divergenze

Covid: oltre 70mila contenuti generati online dalle parole dei virologi. Reputation Science: troppe informazioni, tra incoerenza e divergenze

L’odio online corre soprattutto su Twitter. Mappa Vox dell’intolleranza: con pandemia rallenta, ma si radicalizza; donne i primi bersagli

L’odio online corre soprattutto su Twitter. Mappa Vox dell’intolleranza: con pandemia rallenta, ma si radicalizza; donne i primi bersagli

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica