INTERNET: SUPER-VIRUS; ESPERTO, ORA SIAMO AL CYBERSABOTAGGIO

INTERNET: SUPER-VIRUS; ESPERTO, ORA SIAMO AL CYBERSABOTAGGIO
ATTACCO AL MONDO INDUSTRIALE, ‘DIETRO C’E’UN SERIO INVESTIMENTO’
ROMA
(ANSA) – ROMA, 1 OTT – “Finora abbiamo parlato di cyber-crimine, forse da oggi parleremo di cyber-terrorismo e cyber-sabotaggio”. A mettere in guardia sui pericoli di Stuxnet, il ‘supervirus’ che ha colpito i computer delle istallazioni nucleari iraniane e delle industrie cinesi, seminando il panico, è Alexander Moiseev, managing director della società  di sicurezza informatica Kaspersky, che parla di un “rischio non più economico, ma fisico”. Con gli attacchi ai danni di Iran e Cina, “il mondo criminale ha provato che esiste la possibilità  di aggredire il mondo industriale, il mondo che fornisce il cibo di tutti i giorni a tutti”, dice Moiseev all’ANSA. Non siamo più al classico crimine informatico, volto a rubare denaro o dati personali, ma a un ‘software maligno’ creato “per sabotare e danneggiare impianti e sistemi industriali”, ha aggiunto. E’ più questione di proteggere i segreti industriali, dobbiamo pensare alla comunità . Per la società  moscovita, che aveva scoperto il virus tempo fa, un attacco di questo tipo può essere condotto solo con il supporto e il sostegno di uno stato-nazione. “Sviluppare questo virus richiede un serio investimento economico, una struttura ben coordinata, un lavoro tecnicamente impegnativo. Probabilmente sono serviti sei mesi di preparazione”, sottolinea Moiseev. “Non è che casualmente qualcuno ha inventato un codice malware e lo ha diffuso: è un’attività  programmata, svolta da un gruppo numeroso e con un obiettivo chiaro”. Un obiettivo che, però non è stato ancora identificato, spiega l’esperto. “Il virus non si diffonde solo in quelle macchine e può attaccare in tutto il mondo. Capire per quali macchine e quali catene è stato progettato sembra quasi impossibile”, aggiunge Moiseev. Incerta, almeno al momento, è anche l’origine degli attacchi. “Abbiamo alcune idee, ma non sono confermate”. Tuttavia “ogni scrittore di codice informatico ha un modo di scrivere diverso e riconoscibile…”.(ANSA).
Y89-VC/ S04 S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)