INTERNET: FRANCIA, PROVIDER FREE PROTEGGE ‘SUOI’ PIRATI

INTERNET: FRANCIA, PROVIDER FREE PROTEGGE ‘SUOI’ PIRATI/ANSA
DISCOGRAFICI FURIOSI, UTENTI ESULTANO ‘FREE E’ NOSTRO ZORRO’
PARIGI
(di Tullio Giannotti) (ANSA) – PARIGI, 6 OTT – “Free vuole violare la legge”, “Free è il nostro Zorro”: come sempre, il più intraprendente dei provider Internet francesi, fa parlare di sé. Diventa scudo dei propri abbonati contro la legge Hadopi, con la quale il governo punta a reprimere chi scarica film o musica illegalmente. L’Authority, che ha appena cominciato ad operare, parla di violazione della legge, mentre i fan del download a tutti i costi esultano: ‘Free e’ il nostro Zorro!’. Soltanto da qualche giorno Hadopi, l’Alta Autorità  per la diffusione delle opere e la protezione dei diritti su Internet, ha cominciato faticosamente ad inviare le prime e-mail di avvertimento agli utenti di Internet “pizzicati” a scaricare musica e film in modo esagerato. La procedura stabilita dalla legge del giugno 2009 vorrebbe che i fornitori di accesso al web trasmettano all’Hadopi, entro otto giorni, i dati personali dell’abbonato sospettato di piratare. E qui Free ha fatto subito capire come la pensa: invece di girare via posta elettronica all’Authority i dati dell’abbonato, come fanno naturalmente France Telecom e gli altri, li stampa pazientemente su un foglio di carta, li mette in busta, affranca e spedisce per posta tradizionale. Non incorre nell’ammenda di 1.500 euro per mancata cooperazione dal momento che le lettere partono entro gli 8 giorni prescritti, ma ostacola non poco la procedura. Sentiti i propri giuristi, poi, Free ha deciso di rifiutare per il momento di girare agli abbonati-pirati le e-mail di ammonimento con le quali Hadopi avverte che “l’accesso a Internet è stato utilizzato per commettere un reato”. Al vertice di Hadopi c’é un’agguerrita magistrata, Marie-Francoise Marais, che non si è fatta pregare per raccogliere la sfida: “la posizione attuale di Free – ha detto – danneggia i diritti dei suoi abbonati. Non ricevendo la prima email di avvertimento, non avranno l’informazione che potrebbero pretendere di avere”. Avvocati al lavoro anche nella sede di Free, il cui fondatore e numero 1, Xavier Niel, fa parte del trio di investitori diventato azionista di maggioranza del quotidiano Le Monde: “il decreto attuativo sul trattamento dei dati personali – dicono nei corridoi del provider più impertinente di Francia – prevede la firma di una convenzione fra le parti per inquadrare la procedura. Noi abbiamo fatto una proposta all’Hadopi e al ministero della Cultura, ma non abbiamo avuto risposta”. “Questo atteggiamento – dice il sindacato dei discografici, Snep, dove serpeggia nervosismo almeno quanto fra i vertici di Hadopi e del governo – riflette la volontà  da parte di Free di non rispettare la legge. Ed è ancora più condannabile in quanto crea distorsioni di concorrenza con i provider che, invece, la legge la rispettano”. Se molti hanno il dubbio fra un Free che si staglia come paladino dei diritti dei navigatori in rete e un provider spregiudicato che vuole farsi pubblicità  a tutti i costi, i fan del download hanno solo certezze: “Xavier Niel – si legge su una delle reazioni dei lettori sul sito di Le Monde – è lo ‘Zorro’ delle telecom”. (ANSA).
GIT/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando