Tlc/ Calabrò: Società  rete? Non facciamo costruzioni barocche

Tlc/ Calabrò: Società  rete? Non facciamo costruzioni barocche
Telecom non può essere costretta a conferire la propria rete

Capri, 8 ott. (Apcom) – No a costruzioni “barocche” su una società  veicolo per la rete di nuova generazione. “Non si reggono”. Il presidente dell’Autorità  per le Comunicazioni, Corrado Calabrò, intervenuto a Capri, al convegno di Between, sottolinea che “la società  veicolo non è l’unica soluzione, ci sono forme partecipative, consorziali, forme di accesso alla rete che garantiscono la concorrenza”.
Ieri, proprio a Capri, il presidente dell’Antitrust, Antonio Catricalà , aveva invocato la necessità  di una società  della rete come unica strada possibile per arrivare al risultato di una rete di nuova generazione. Per Calabrò invece questa non è la strada praticabile. “Significherebbe – dice – che Telecom deve conferire la propria rete. Ma se vuole farlo. Se non vuole, non può essere costretta, per 10 buoni motivi, il primo è che non ci sono i soldi”.

(Segue)

Rbr

081605 ott 10

Apc-Tlc/ Calabrò: Società  rete? Non facciamo costruzioni barocche -2
In zone a media profittabilità  serve progetto condiviso

Capri, 8 ott. (Apcom) – L’Unione europea – ha poi spiegato Calabrò – suddivide le zone in tre categorie, quelle ad alta profittabilità  di mercato, quelle a media e quelle a bassa. “Nella prima – ha spiegato – può operare il mercato. La rete in fibra è epocale. Ha un costo di 12-15 miliardi ma non è una cifra che poi sgomenti”. Quanto poi alle zone a media profittabilità , per queste secondo Calabrò, il memorandum di intesa al tavolo Romani “dovrebbe servire a realizzare una sola rete che è la cosa più razionale e la condicio sine qua non per la partecipazione della Cdp. Ma devono mettersi d’accordo sulla unicità  della rete e gli piaccia o no su un progetto condiviso”. “Lo stato – ha aggiunto – potrebbe garantire gli investimenti”. Infine nelle zone meno redditizie, a scarsa utenza “lo stato è fondamentale. Gli 800 milioni, congelati si sono poi sciolti ora ce ne sono solo 100 e rischiano di diventare anche questi acqua”.

Rbr

081627 ott 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci