Google scatenata, punta anche a portale biglietti aerei Opodo

Apc-*Google scatenata, punta anche a portale biglietti aerei Opodo
Lo riporta il Wsj. Solo ieri iniziative su eolico e statistica

Roma, 13 ott. (Apcom) – Adesso Google punta il mirino anche sui biglietti aerei online: dopo le centrali eoliche e gli indici di statistica, su cui ieri si è visto il gigante internet muoversi con due diverse iniziative, oggi dalla pagine del Wall Street Journal emerge che la società  californiana è tra i possibili pretendenti per rilevare il portale Opodo. Quest’ultimo è uno di quei siti internet specializzati nella vendita di biglietti aerei di più compagnie, a cui vengono offerti in parallelo servizi correlati come la possibilità  di prenotare alberghi o auto a noleggio. Tanto che tra i contendenti indicati c’è anche Expedia, un altro portale specializzato sul segmento, oltre ai fondi di investimento a capitale chiuso Permira e Axa Private Equity.
Se per mole l’operazione non è gigantesca – secondo le fonti citate dal quotidiano Opodo, controllata dalla holding spagnola Amadeus, dovrebbe costare tra 400 e 500 milioni di euro – la questione è più che altro indicativa per l’interessamento di Google. Il gruppo sembra sempre più orientato a diversificare le sue attività  rispetto a quelle ‘tradizionali’. Solo ieri il Financial Times riferiva che il gruppo sta studiando la possibilità  di creare un suo indice di inflazione, basato sui prezzi dei beni commerciati online, mentre è anche emerso che Google sarebbe pronta a finanziare con miliardi di dollari un progetto su un gigantesco parco eolico sulla costa orientale degli Usa.

Voz

131100 ott 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)