INTERNET: FRANCIA;FREE COSTRETTA AD INVIARE MAIL ANTI-PIRATI

INTERNET: FRANCIA;FREE COSTRETTA AD INVIARE MAIL ANTI-PIRATI
PARIGI
(ANSA) – PARIGI, 13 OTT – La Francia ha adottato un decreto per costringere il provider Internet Free – il cui fondatore è nel trio di industriali diventati azionisti del quotidiano Le Monde – ad inviare le mail di avvertimento contro i pirati informatici previste dalla legge Hadopi. Nei giorni scorsi, Free aveva deciso di ‘disobbedire’ e in qualche modo ostacolare le operazioni di repressione contro i pirati informatici. Un atteggiamento che non era piaciuto al ministro della Cultura, Frederic Mitterrand. “Questa situazione deve finire al più presto”, aveva detto il ministro, bollando la scelta di Free come “inaccettabile”. Secondo la legge, i provider devono trasmettere all’Authority anti-pirataggio, entro otto giorni dalla richiesta di quest’ultima, i dati personali dell’abbonato sospettato di aver scaricato illegalmente film, musica o altro. Ma Free, invece di inviare queste informazioni via email – come fanno gli altri provider – le invia per posta, pur rispettando i termini previsti dalla legge per non incorrere nelle pesanti ammende in caso di ‘mancata cooperazione’. Il decreto pubblicato oggi sulla Gazzetta ufficiale impone invece agli operatori di “rivolgersi all’abbonato per via elettronica (…) entro 24 ore”. Una violazione di questo obbligo comporta una multa di 1.500 euro. Le email di avvertimento da parte di Hadopi sono cominciate ad arrivare negli ultimi giorni agli abbonati di tutti gli altri provider. (ANSA).
Z04/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)