Mediaset: Pier Silvio Berlusconi totalmente estraneo ad accuse

15 Oct 2010 13:03 CEDT Mediaset: Pier Silvio Berlusconi totalmente estraneo ad accuse

ROMA (MF-DJ)–In relazione alle indagini Mediatrade-Rti, Mediaset precisa innanzitutto che si tratta “sostanzialmente di una duplicazione per anni diversi del medesimo processo pendente presso il Tribunale di Milano”.

E’ quanto si legge in una nota del gruppo secondo cui, nel merito, Mediaset “ribadisce che i diritti cinematografici oggetto dell’inchiesta sono stati acquistati a prezzi di mercato e che tutti i bilanci e le dichiarazioni fiscali della societa’ sono stati redatti nella piu’ rigorosa osservanza dei criteri di trasparenza e delle norme di legge”.

La societa’ esprime quindi la fiducia nel fatto che “la documentazione dimostrera’ la totale estraneita’ di Pier Silvio Berlusconi e degli altri dirigenti coinvolti alle accuse ipotizzate di frode fiscale”.

Tuttavia, “non si puo’ infine evitare di sottolineare l’assurdita’ delle contestazioni: un procedimento in cui Mediaset e’ semmai parte lesa si ritorce infatti contro la societa’ e i suoi dirigenti”, conclude la nota. com/fra

(END) Dow Jones Newswires

October 15, 2010 07:03 ET (11:03 GMT)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)