INTERNET:AIIC,ITALIA SI ATTREZZERA’CONTRO GUERRA INFORMATICA

INTERNET:AIIC,ITALIA SI ATTREZZERA’CONTRO GUERRA INFORMATICA
TEAM ESPERTI E LABORATORIO ANALISI PER PREVENIRE ATTACCHI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 17 OTT – L’Italia si attrezzerà  contro gli attacchi informatici agli apparati strategici essenziali per la vita di un Paese, “in modo più sinergico” e creando un team di collaborazione tra pubblico e privato. E’ quanto è emerso dall’incontro sulla sicurezza delle infrastrutture, organizzato dall’Enea e dall’Aiic (Associazione Italiana Esperti in Infrastrutture Critiche), al quale hanno partecipato un quarantina di esperti nazionali. L’incontro si è tenuto a poco più di un mese da quando il virus StuxNet ha cominciato a colpire i sistemi nazionali che gestiscono infrastrutture critiche per l’energia, la gestione delle acque, impianti chimici, gasdotti, oleodotti e trasporti. L’attacco di StuxNex, considerato da molti un primo episodio di”cyber-war”, ha colpito nel mondo oltre 45 mila computer avanzati (8% in India, 18% in Indonesia e 60% in Iran), mandando in tilt anche quelli dell’impianto nucleare iraniano di Natanz. Per contrastare questo tipo di attacchi, gli specialisti della sicurezza nazionale riuniti a Roma hanno annunciato che in Italia si darà  vita a uno specifico team per sviluppare le attività  di ricerca scientifica e tecnologica, e si studierà  anche la creazione di un laboratorio di sperimentazione e analisi degli scenari legati agli attacchi informatici. “Alla comparsa di StuxNet molti hanno pensato che si trattasse di un virus come tanti altri e fosse una ulteriore attività  dei soliti hacker in cerca di sfide – ha detto Salvatore Tucci, presidente dell’AIIC e ordinario di calcolatori elettronici all’Università  di Tor Vergata -. In realtà  è emerso che è qualcosa molto più allarmante: una vera e propria arma informatica in grado di colpire apparati strategici, essenziali per la normale vita di un Paese. Ormai molti intravvedono in StuxNet i prodromi di una guerra informatica, sicuramente meno cruenta in termini di vite umane ma molto più rapida ed efficace per le conseguenze”.(ANSA).
VC/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando