MICROSOFT: OFFICE DIVENTA ‘365’ E SBARCA SULLA ‘NUVOLA’

 
CRO:MICROSOFT
2010-10-20 14:47
MICROSOFT: OFFICE DIVENTA ‘365’ E SBARCA SULLA ‘NUVOLA’
E DAL PROSSIMO ANNO SI POTRA’ PAGARE UN TANTO AL MESE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 20 OTT – Microsoft cambia nome a Office, la sua raccolta di applicazioni da ufficio, e la lancia definitivamente sulla ‘nuvola’ di Internet. La versione ‘cloud’ si chiama ‘Office 365’, è basata su Office 2010 e, al momento, é già  disponibile in versione beta in 13 Paesi, tra cui l’Italia. Ma dal prossimo anno la si potrà  usare da qualsiasi browser – non solo da Explorer – in 40 Paesi di tutto il mondo, pagando un abbonamento mensile. Office 365 può essere anche utilizzato su diverse piattaforme mobili, tra cui il BlackBerry, e in particoalre sull’iPad della Apple. Grazie alla possibilità  di accedere a risorse e contenuti distribuiti in rete, gli utenti potranno usare Office Web Apps, Exchange Online, SharePoint Online e Lync Online da qualsiasi luogo, senza dover prima installare alcun software. Per la posta e lo scambio di file, la componente Exchange può contare su uno spazio online di memorizzazione di 25 Gigabyte, un piccolo hard disk virtuale. All’inizio Office 365 sarà  indirizzato principalmente all’utenza ‘business’. I costi per poterne usufruire varieranno a seconda delle dimensioni delle aziende: nelle grandi organizzazioni e gli enti governativi si partirà  da meno di 2 euro al mese per utente, mentre nelle piccole e medie imprese, da circa 5 euro. La versione più costosa arriverà  invece a 19,50 euro al mese per utente e comprenderà  anche la versione ‘desktop’ di Office. Microsoft rilancia così la sfida a Google Apps, il servizio basato sul web del colosso di Mountain View, già  adottato- stando a quanto riferito il mese scorso dalla stessa società – da 3 milioni di imprese per un totale di oltre 30 milioni di utenti in aziende, scuole e organizzazioni.(ANSA).
Y88-VC/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)