INTERNET: MCAFEE, I DOMINI ‘.COM’ SONO I PIU’ PERICOLOSI

 
SPE:INTERNET
2010-10-26 13:47
INTERNET: MCAFEE, I DOMINI ‘.COM’ SONO I PIU’ PERICOLOSI

(ANSA)- ROMA, 26 OTT- Il dominio ‘.com’, oltre a essere il più trafficato al mondo, è anche il più pericoloso da visitare. Lo rivela il report annuale ‘Mappatura del Mal Web’, realizzato dalla società  di sicurezza informatica McAfee e pubblicato oggi, secondo il quale il 56% di tutti i siti internet pericolosi ha l’estensione .com. Secondo lo studio, condotto su oltre 27 milioni di siti, mentre il .com è il dominio ‘top level’ più pericoloso, il domino di nazione che presenta più insidie è quello del Vietnam (.Vn), a differenza di quelli giapponesi (.Jp) che si classificano, per il secondo anno di fila, come i più sicuri. Il report ha inoltre rivelato che il 6,2% dei siti web analizzati rappresenta un pericolo per la sicurezza, in aumento rispetto al 5,8% dello scorso anno. “Questo report evidenzia quanto rapidamente i criminali informatici modificano le proprie tattiche per attrarre le vittime ed evitare di essere catturati- afferma Paula Greve, director of web security research di McAfee Labs-. Lo scorso anno, il dominio del Vietman era relativamente sicuro, mentre quest’anno è salito al terzo posto tra i più pericolosi in assoluto”. Tra i motivi, spiega Greve, il fatto che i criminali informatici colpiscono regioni dove registrare i siti web è economico e conveniente e dove si corre meno il rischio di essere scoperti. Nella ‘lista nera’ anche il dominio del Camerun (.Cm), che si colloca al secondo posto, in quanto viene utilizzato dai criminali informatici che sfruttano il possibile refuso degli utenti che digitano un sito .com. Invece, i domini ‘top level’ più sicuri, conclude lo studio, sono il .travel e il .edu che hanno registrato meno dello 0.05% dei siti ‘infetti’, vale a dire uno su 2 mila siti. (ANSA).
Y88-LB/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)