Google/ Esperto: in database azienda ci potrebbe essere di tutto

Apc-*Google/ Esperto: in database azienda ci potrebbe essere di tutto
Fulvio Sarzana di Sant’Ippolito: inchiesta chiarirà  vicenda

Roma, 27 ott. (Apcom) – “Nei database di Google ci potrebbe essere di tutto. Bene ha fatto il Garante ad intervenire sulla vicenda. Ora con l’inchiesta della Procura di Roma si potrà  chiarire in modo definitivo la questione. Almeno speriamo”. L’avvocato Fulvio Sarzana di Sant’Ippolito, è tra i maggiori esperti italiani di diritto penale delle tecnologie informatiche. L’apertura di un fascicolo per violazione della privacy, rispetto all’applicazione Street View dell’azienda statunitense, non lo ha colto di sorpresa. “Già  a settembre il Garante aveva segnalato il fatto – ha continuato il penalista – Quello che meraviglia al momento è il titolo del reato contestato che tecnicamente non avrebbe dovuto essere l’interferenza illecita nella vita privata delle persone prevista dall’articolo 615 bis del codice penale, e che si riferisce ad un’interferenza nei luoghi privati, quanto piuttosto, una norma riguardo la ‘captazione’ in luoghi pubblici delle informazioni sensibili”. Per Sarzana la questione è molto delicata. “Le Google-car potrebbero aver raccolto di tutto. Non solo informazioni di privati, ma anche di aziende. Il fatto che una autorità  giudiziaria possa far luce potrebbe diventare un elemento di chiarezza per tutto il web”. In ogni caso “è da apprezzare il fatto che Google stessa, attraverso la sua rete  e i  suoi dirigenti, abbiano segnalato cosa era stato raccolto. E’ un aspetto che in questo momento e in qualsiasi analisi futura non si dovrà  dimenticare”.

Nav

271705 ott 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)