TURCHIA: INTERNET, YOUTUBE NUOVAMENTE CENSURATO

TURCHIA: INTERNET, YOUTUBE NUOVAMENTE CENSURATO
ANKARA
(ANSA) – ANKARA, 3 NOV – A sole 48 ore dalla revoca della censura imposta da oltre due anni sul popolare sito web YouTube, dove si condividono filmati, i responsabili dell’Authority turca per le telecomunicazioni (Tib) ne hanno deciso nuovamente il blocco. Ne dà  notizia l’agenzia Anadolu precisando che la decisione viene in seguito ad una sentenza emessa ieri sera da un tribunale di Ankara. La decisione di censurare di nuovo YouTube, sostiene l’Anadolu, è derivata dal rifiuto del website di rimuovere un video ripreso in segreto in cui si vede Deniz Baykal, l’ex leader del Partito Repubblicano del Popolo (Chp, socialdemocratico all’opposizione), in intimità  con una donna. Da stamani in Turchia, quando si tenta di collegarsi a YouTube, compare sul video una scritta che informa che il servizio è stato censurato dalla Tib. L’ultima volta YouTube era stato bloccato il 5 maggio 2008 perché al suo interno erano stati immessi a più riprese alcuni video ritenuti offensivi all’immagine di Kemal Ataturk, il fondatore della moderna Turchia. La decisione di sospendere il blocco del website era venuta dopo che sabato il Procuratore della Repubblica di Ankara aveva accertato che i video incriminati erano stati rimossi. Secondo un rapporto diffuso a giugno dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) in Turchia sono oltre 5.000 i siti internet censurati, cosa che pone di fatto la Turchia nella lista dei Paesi che maggiormente limitano la libertà  d’espressione. (ANSA).
MRR/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)