RAI/PIANO INDUSTRIALE: ADRAI, OK A TAGLIO SPRECHI MA NO NUOVE NOMINE

RAI/PIANO INDUSTRIALE: ADRAI, OK A TAGLIO SPRECHI MA NO NUOVE NOMINE
(ASCA) – Roma, 5 nov – Ieri il Direttore Generale della Rai ha presentato al Consiglio d’amministrazione un piano di tagli generalizzati della spesa, con il blocco di ogni intervento gestionale per oltre un anno. L’Associazione dei dirigenti RAI nell’incontro della scorsa settimana, si legge in un comunicato, ha già  fatto presente al Direttore Generale che questi tagli (di circa 10 mln di euro) devono essere coerenti con un Piano Industriale condiviso e finalizzato al risanamento e alla lotta agli sprechi, e non possono essere attuati isolatamente e a puro scopo demagogico, al di fuori di una prospettiva complessiva di rilancio e sviluppo aziendale. L’ADRAI ha sottolineato con forza al D.G., e ribadisce nuovamente, che in questo contesto di tagli e sacrifici non  è ammissibile nè accettabile qualsiasi iniziativa di immissioni dall’esterno nè la proliferazione di nuovi incarichi e nuove nomine che comportino costi aggiuntivi sul conto economico dell’Azienda. L’ADRAI ha chiesto questo impegno formale all’Azienda e insisterà  in ogni sede e occasione utile per riaffermare queste esigenze prioritarie e imprescindibili. Dalla prossima settimana sarà  operativo il tavolo di confronto permanente ADRAI/Azienda sulle tematiche del Piano Industriale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi