EDITORIA: OSARE DI PIU’, RIPENSARE CONTENUTI PER WEB

>>>ANSA/EDITORIA: OSARE DI PIU’, RIPENSARE CONTENUTI PER WEB
STUDIO ERNST&YOUNG, SERVE OFFERTA MIRATA E IN EVOLUZIONE
AVIGNONE (FRANCIA)
(di Chiara Rancati) (ANSA) – AVIGNONE (FRANCIA), 5 NOV – Editori e produttori d’informazione, osate di più e ripensate il vostro modo di creare e distribuire i contenuti per il web. Il consiglio viene da uno studio di Ernst&Young, realizzato per il 3/o Forum di Avignone, sui metodi per monetizzare i media digitali e “creare valore per cui i consumatori siano pronti a pagare”. Le potenzialità  di crescita e generazione di profitti offerte dalla Rete, spiega la ricerca, sono enormi, ma sfruttarle richiede una strategia mirata, capace di “rispondere a una domanda in perpetua evoluzione” e di “essere sempre più vicina possibile al consumatore”. Nel passaggio dall’analogico al digitale, i contenuti devono essere riadattati, scomposti e riaggregati in modi nuovi, offrendo valore aggiunto tramite quattro fattori: “un formato e un messaggio aggiuntivo, il momento giusto, la disponibilità  e l’interoperabilità , la condivisione e la partecipazione”. In questo modo, l’utente avrà  la possibilità  di trovare, e acquistare, il singolo prodotto che gli interessa, per esempio un articolo o un capitolo di un libro, in modo analogo a quanto già  sperimentato con successo da Itunes per la musica. Solo con un’offerta così specifica e su misura, sostengono gli esperti di Ernst&Young, gli internauti abituati a trovare tutto gratis online saranno disposti a tornare a pagare per i contenuti, distribuiti attraverso un numero crescente di piattaforme, dal computer al telefono cellulare. La strategia di ripensamento dei contenuti però, prosegue lo studio, dev’essere accompagnata da un’adeguata infrastruttura tecnologica e da processi di distribuzione affidabili. Il passo successivo, altrettanto necessario, sarà  quindi lo sviluppo di piattaforme migliorate per la gestione dei micropagamenti, che superino gli attuali problemi su tre livelli: “sicurezza delle transazioni”, “costo del trattamento”, “facilità  di utilizzo”. Un compito che le aziende editoriali dovranno svolgere con la collaborazione di partner specializzati, in primo luogo le società  di telecomunicazioni e le banche. Sfide in cui, sostiene in chiusura lo studio, la capacità  di sperimentare e prendere rischi sarà  cruciale. I modelli economici e le piattaforme hanno infatti bisogno di evoluzioni continue, ma le aziende non possono permettersi di aspettare che siano rodati per adottarli. “Il ritardo accumulato – scrivono gli esperti – potrebbe rivelarsi irrecuperabile”. (ANSA).
Z13-GIT/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)