Google licenzia dipendente dopo fuga notizie su aumenti stipendi

Apc-Google licenzia dipendente dopo fuga notizie su aumenti stipendi
Nota riservata era stata pubblicata da Business Insider

New York, 11 nov. (Apcom) – La decisione di aumentare lo stipendio ai 23.000 dipendenti di Google ha già  mietuto una vittima: colui che ha reso nota la notizia. L’amministratore delegato, Eric Schmidt, aveva annunciato l’aumento in una nota riservata diffusa all’interno dell’azienda. Dopo poco il sito internet Business Insider aveva pubblicato il comunicato online. Il fatto non ha reso felici i vertici del colosso informatico, che a poche ore di distanza hanno notificato al personale di aver scoperto chi era stato a diffondere la notizia e di averlo licenziato.”Non commentiamo le questioni interne, crediamo comunque nell’importanza di un progetto di premi di produzione che sono importanti per il nostro futuro”, ha detto il portavoce di Google. Nelle ultime settimane la società  californiana ha perso figure importanti all’interno dell’azienda, come il creatore di Google Maps Lars Rasmussen, il CEO di You-Tube Chad Hurley e il co-fondatore di AdMob Omar Hamoui. Quando Rasmussen se ne è andato, ha rilasciato un’intervista al Sydney Morning Herald in cui affermava che l’espansione crescente di Google ostacola la capacità  dei dipendenti di portare a termine i loro compiti. Il programmatore ha preferito trasferirsi a Facebook, che ha un organico di sole 2000 persone. E Rasmussen non è il solo ad aver preferito il social network al motore di ricerca; il numero due di Facebook è l’ex capo delle vendite di Google, Sheryl Sandberg, e nel mese di giugno l’ex product manager di Google Bret Taylor è diventato chief technology officer di Facebook.

A24-Pir

111708 nov 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)