GIOVANI: SILB, I NETWORK NON TRATTENGONO A CASA

GIOVANI: SILB, I NETWORK NON TRATTENGONO A CASA
IL 29% DEGLI ITALIANI ESCE ALMENO UNA VOLTA A SETTIMANA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 25 NOV – I social network impazzano, ma i giovani non rinunciano ad uscire di sera e ad incontrarsi di persona. E’ quanto emerge da una indagine Silb-Gfk Eurisko, presentata stamani a Roma dal sindaco dei locali da ballo nel convegno ‘Come cambia la notte: i giovani e il mondo dell’intrattenimentò. Su un campione rappresentativo di italiani tra i 18 e i 64 anni il 43% (16 milioni e 240 mila) dichiara di aver frequentato locali serali almeno una volta nell’ultimo mese, e il 29% (11 milioni) ha trascorso una serata fuori casa almeno una volta negli ultimi sette giorni. Se da un lato persiste la tendenza a trascorrere fuori il tempo libero di fine giornata – con una forte accentuazione nella fasci di età  compresa tra i 18 e i 24 anni (68%) – dall’altro cambiano le esigenze e le abitudini del popolo della notte: stanchi della classica discoteca, i giovani sono attratti dai locali più stravaganti, con particolare interesse per vecchie location trasformate in luoghi serali o per spazi quotidiani – panetterie, fiorai, bancarelle del pesce – che di notte diventano luoghi di intrattenimento. L’esigenza di chi vive la movida notturna è infatti molto orientata sull’offerta: vincono i locali multifunzione (aperitivo, cena ,disco), scelti dal 70 degli intervistati. La maggior parte di chi esce la sera fa almeno due attività : non a caso, l’aperitivo è in rapida ascesa passando dal 48% delle preferenze del 2006 al 60% nel 2010. Dall’indagine è emerso inoltre particolare interesse per eventi svincolati da locali predefiniti oppure, se il locale deve essere scelto per l’arredamento di tendenza curato da designer. La spesa media in quattro anni è scesa passando da 27, 20 euro a 24,50 e a spendere di più sono gli uomini occupati con età  media intorno ai 27 anni. Un cambiamento significativo è legato all’orario di rientro e all’uso dell’alcol. La serata finisce prima e si beve meno. La notte si è infatti accorciata di oltre un’ora (1 ora e un quarto) e cresce il numero di chi la trascorre con il proprio partner (erano il 10% nel 2006, sono il 18% oggi), anche se si predilige l’uscita in gruppo.(ANSA).
YGF-QA/DGP S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)