INTERNET: RODOTA’, ACCESSO A RETE SIA DIRITTO COSTITUZIONALE

INTERNET: RODOTA’, ACCESSO A RETE SIA DIRITTO COSTITUZIONALE
INIZIATIVA GIURISTA E ‘WIRED’ DURANTE INTERNET GOVERNACE FORUM
ROMA
(ANSA) – ROMA, 29 NOV – “Articolo 21-bis della Costituzione: tutti hanno eguale diritto di accedere alla Rete Internet, in condizione di parità , con modalità  tecnologicamente adeguate e che rimuovano ogni ostacolo di ordine economico e sociale”: queste parole sono state scritte dal costituzionalista e giurista Stefano Rodotà , e lette oggi durante l’Internet Governance Forum di Roma. “In questa frase è contenuta una rivoluzione culturale – dice una nota – affermare il diritto a Internet quale diritto fondamentale dell’individuo, e quindi inserirlo nella carta costituzionale è quanto di più avanzato potrebbe fare la nostra classe politica, il modo migliore per festeggiare i 150 anni dell’Unità  d’Italia”. Stefano Rodotà  e il direttore di Wired, Riccardo Luna, lavorano dallo scorso marzo all’ipotesi di trasformare Internet in un diritto costituzionale con la stesura dell’articolo 21 bis. Secondo la rivista e il giurista “la Costituzione italiana é una delle più belle del mondo ma è nata in un’epoca in cui Internet non esisteva. Ora è arrivato il momento di cambiare e di scrivere che l’accesso alla Rete, il più grande mezzo di comunicazione della storia, è un diritto costituzionale. E’ vero che la prima parte della Costituzione è intoccabile ma si sottilinea che con questa proposta si amplia la sfera dei diritti e non si comprime nulla. L’articolo 21 bis potrebbe essere adottato da parlamentari di tutti i partiti e finire in commissione Affari Costituzionali”. Intanto, si è aperta una discussione e una simbolica raccolta di firme sul sito www.internetcostituzione.it
SAM/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)