Millennial Kids: lo studio sul rapporto dei bambini del nuovo millennio con la tv

Millennial Kids è lo studio promosso da   Nickelodeon, che ha come scopo la comprensione del rapporto dei bambini del nuovo millennio con la tv e le loro logiche multipiattaforma, volto a capire cosa li orienta nella scelta dei contenuti, quali preferiscono e perché. Per osservare il mondo dei media, si è scelto un punto di vista speciale: gli occhi dei bambini e dei ragazzi che si affacciano all’adolescenza. Lo studio ha voluto porre al centro i bambini, rispettando il loro modo di descriversi e descrivere, attraverso le modalità  espressive che utilizzano nella loro vita quotidiana: ne è emerso un racconto fatto di immagini, oggetti e luoghi che ha consentito di rispondere alle domande di ricerca e di capire che  quello dei “millennial kids” è un mondo articolato e complesso. I “millennial kids” sono infatti “uguali e diversi” non solo perché pur condividendo la stessa fascia d’età  e magari le stesse caratteristiche sociali e demografiche non hanno sempre a disposizione le stesse piattaforme, ma anche e soprattutto perché sono guidati da bisogni e da stili genitoriali differenti.

Millennial_Kids.pdf

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tlc, il Covid pesa sui conti. Dati Mediobanca: in Europa vince Deutsche Telekom, la Spagna supera l’Italia per fatturato

Tlc, il Covid pesa sui conti. Dati Mediobanca: in Europa vince Deutsche Telekom, la Spagna supera l’Italia per fatturato

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery

Il Covid non ferma i giganti web: +17% nel fatturato nel primo semestre 2020. Mediobanca: in 5 anni aumentati utili, valore e forza lavoro

Il Covid non ferma i giganti web: +17% nel fatturato nel primo semestre 2020. Mediobanca: in 5 anni aumentati utili, valore e forza lavoro