POSTE: DOPO LIBERALIZZAZIONE TNT PUNTA A UNA QUOTA DEL 20%

POSTE: DOPO LIBERALIZZAZIONE TNT PUNTA A UNA QUOTA DEL 20%
PALERMO
(ANSA) – PALERMO, 4 DIC – Detengono già  il 5% del mercato postale e nei prossimi anni contano di riuscire a conquistare una quota del 20% diventando il secondo operatore del Paese dopo Poste Italiane. Grazie anche alla liberalizzazione che scatterà  dal primo gennaio 2011 Tnt Post dall’Olanda muove alla conquista dell’Italia partendo proprio dalla Sicilia, dove due anni fa ha avviato il primo test distribuendo con posta certificata le bollette dell’Enel. In questi giorni si è svolta a Palermo una convention dei quadri dell’operatore postale privato nel corso della quale sono stati illustrati i programma alla vigilia dell’importante appuntamento con la liberalizzazione. In Sicilia, dove attualmente Tnt distribuisce 35 milioni di buste all’anno con 600 addetti al recapito, saranno aperti almeno dieci punti per il pubblico. “Non si tratta di sportelli postali classici – spiega l’amministratore delegato Luca Palermo – ma di corner all’interno di cartolerie, grandi centri commerciali e supermercati, così come avviene già  in Olanda, dedicati all’invio di raccomandante e poste a costi inferiori del 20% rispetto a Poste Italiane e con la garanzia della ‘tracciabilita’ della consegna che avverrà  in tempi certi”. Palermo indica anche quali sono i settori sui quali la società  intende puntare: “Oltre ai servizi postali business per le aziende, alle raccomandate e alle notifiche di atti amministrativi intendiamo sviluppare il settore del direct marketing e quello del mercato dell’editoria”. Tnt Post, che possiede hub di distribuzione in tutta Italia, dalla Lombardia alla Sicilia, conta 800 dipendenti e altri 3 mila che lavorano nell’indotto con le società  partner dell’operatore privato.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo