INTERNET: A GENNAIO FINE INDIRIZZI,NUOVO SISTEMA PIU’ GRANDE

INTERNET: A GENNAIO FINE INDIRIZZI,NUOVO SISTEMA PIU’ GRANDE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 06 DIC – Gli indirizzi Internet stanno per finire, ma non tutti sono pronti per adottare il nuovo protocollo che risolve il problema. Lo affermano alcuni esperti, secondo cui il nostro paese è tra i più pigri nel passare all’Ipv6, il sistema di indirizzi molto più ‘capiente’. “Le riserve di indirizzi finiranno il prossimo gennaio – spiega al sito di Discovery Channel Ernesto Majo, direttore del registro degli indirizzi (Ria) per l’America Latina -: rimangono solo cinque blocchi da assegnare, e si è deciso di darne uno per ogni continente, e saranno gli ultimi”. Il sistema Ipv4 era capace di sostenere 4 miliardi di indirizzi, già  in gran parte assegnati. Il suo successore, l’Ipv6, è già  operativo da diversi anni, ma non tutti sono pronti a passare al nuovo sistema: “La maggior parte degli utenti finali non si accorgerà  nemmeno del passaggio, e molti stanno già  usando i nuovi indirizzi – spiega Marco Sommani, dell’Istituto di Informatica e telematica del Cnr di Pisa – ad essere indietro in alcuni paesi tra cui l’Italia sono i provider, molti dei quali non hanno ancora aggiornato le infrastrutture. I nuovi sistemi operativi sono già  attrezzati per operare con entrambi i tipi di indirizzi, mentre qualche problema potrebbero averlo i vecchi, man mano che si affermerà  il nuovo protocollo”. Nel nostro paese sarebbe necessaria una pressione politica per l’aggiornamento, come avvenuto altrove: “Il Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione (Cnipa), ad esempio, ha pensato le sue reti tutte per lavorare solo in Ipv4 – sottolinea l’esperto – mentre in Usa già  da parecchi anni le strutture pubbliche devono operare con il nuovo protocollo”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo