EBOOK: ‘NEGOZIO’ GOOGLE IN STREAMING E ANCHE SU IPAD

>>>ANSA/ EBOOK: ‘NEGOZIO’ GOOGLE IN STREAMING E ANCHE SU IPAD
PIU’ DI 3 MILIONI DI TITOLI, LETTURA SU 80 DISPOSITIVI
ROMA
(di Titti Santamato) (ANSA) – ROMA, 6 DIC – Si chiama Google eBooks e non Edition, i libri sono letti in streaming e si possono comprare non solo sulla piattaforma del colosso del web; si possono leggere su ben 80 dispositivi compreso iPad e iPhone ma non sul Kindle, per un catalogo che al momento comprende più di 3 milioni di titoli: dopo tante indiscrezioni e rumors sulla rete, oggi Google ha ufficialmente lanciato negli Stati Uniti la sua personale interpretazione di negozio di libri elettronici. Big G mette infatti a disposizione un modello di fruizione del libro digitale diversa rispetto a quella offerta dai concorrenti, su tutti Amazon che ha pure il suo lettore – il Kindle, appunto – e che a inizio 2010 deteneva circa il 90% del mercato (é da poco sbarcata anche in Italia). La novità  di Google eBooks è che l’utente non deve acquistare una copia digitale scaricabile del libro, ma una versione che rimane sempre a disposizione nella propria libreria elettronica e può essere letta anche offline. Dunque niente file Pdf o altri formati: per leggere i volumi acquistati dalla piattaforma basterà  essere connessi a internet attraverso un comune browser. Che lascia a Google la libertà  di trasformare ogni libro in un’applicazione web e che consente la portabilità  dei libri acquistati su qualunque dispositivo. Il libro potrà  dunque essere letto dal pc tramite browser, ma anche su iPad e iPhone grazie a delle apps e tutti i dispositivi che girano con Android, il sistema operativo open source acquisito da Google. In tutto ben 80 dispositivi, eccetto il Kindle della diretta concorrente, anche se – dice Gino Mattiuzzo, Strategic Partner Development Manager di Google – “saremmo contenti di lavorare con Amazon, siamo aperti a tutte le collaborazioni”. Oltre alla libertà  di lettura sul dispositivo, che Mattiuzzo definisce “device agnostic”, la libertà  è anche nell’acquisto che potrà  avvenire su Google eBooks (andando sul sito apposito o sulla funzione ‘search’ del motore di ricerca), ma anche su qualunque altra piattaforma con cui Mountain View ha stretto accordi. Al momento sono state raggiunte intese con i più grossi editori Usa e sono disponibili 3 milioni di titoli di pubblico dominio (in cui copyright non c’é più) e 300 mila a pagamento. Prima di acquistarli si può vedere una piccola anteprima. I prezzi dei libri sono decisi dagli editori e c’é una forma di adesione veloce alla piattaforma, anche online, utile sicuramente ai piccoli editori (si sottoscrive in Internet l’accordo e si mettono in libri in vendita sulla piattaforma). Per quanto riguarda la ripartizione dei ricavi, il rapporto é nella misura del 52% all’editore e del 48% a Google nel caso in cui libro è venduto su Google eBooks, mentre nel caso in cui il cliente lo compra da terzi il 45% dei guadagni va all’editore e il restante 55% viene diviso tra il ‘reseller’ (“la parte principale”) e Google. Insomma il nutrito e aperto bookstore di Google eBooks apre nuovi scenari. Intanto è un’evoluzione di Google Books per cui é ancora in corso una controversia giudiziaria che divide il colosso del web da Authors Guild dal 2005, per violazione del copyright. Come ‘Books’, ‘eBooks’ consente la ricerca e la visualizzazione in anteprima limitata dei libri presenti sulla piattaforma, ma in più anche l’acquisto: questo non significa però che tutti i testi presenti nel prima piattaforma saranno trasferiti nella seconda che ospita solo opere di pubblico dominio e opere per le quali gli editori hanno stipulato un accordo con Mountain View, escludendo quindi automaticamente tutte le opere ‘orfane’. Ma Google eBooks è anche sicuramente un colpo ai rivali (Amazon in primis) e in genere ai cosiddetti formati proprietari (anche Apple sta per lanciare l’edicola digitale su iTunes e con iBookstore sta dando l’assalto al mercato e-book). “In Europa e in Italia l’arrivo è previsto nei prossimi mesi – conclude Mattiuzzo – a partire dalla primavera 2011”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando