RAI: MASI, DOBBIAMO FARE DI PIU’ PER QUALITA’ E PLURALISMO

RAI: MASI, DOBBIAMO FARE DI PIU’ PER QUALITA’ E PLURALISMO
BENE 2010 PER RIVOLUZIONE DIGITALE, RISANAMENTO CONTI E ASCOLTI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 17 DIC – L’impegno sui fronti della qualità  e del pluralismo: è questa la linea per il futuro tracciata dal direttore generale della Rai, Mauro Masi, intervenuto oggi a Unomattina, il contenitore di Raiuno coinvolto, come la maggior parte del palinsesto Rai, nella maratona Telethon per la raccolta fondi per le malattie genetiche. “In futuro – ha detto Masi – dobbiamo fare di più sulla qualità , e lo dico anzitutto a me stesso. Dobbiamo fare molto anche su settori delicati del palinsesto, come la comunicazione e l’informazione, e sforzarci di essere davvero un’azienda profondamente pluralista, che gestisce con equilibrio e secondo le regole le diversità  culturali e di pensieri politici che esistono nel nostro Paese”. Il bilancio di fine anno del direttore generale è comunque ampiamente positivo: “La Rai in questo anno ha definito compiutamente la rivoluzione digitale, passando dai tre canali storici a 14 canali digitali, che rappresentano la più importante offerta gratuita d’Europa. Inoltre, l’azienda ha imboccato una strada virtuosa – ha sottolineato ancora Masi – per risanare il bilancio, affrontando per la prima volta i nodi strutturali del bilancio stesso, che spesso l’hanno impantanata: é una battaglia che stiamo facendo anche per tutelare i posti di lavoro e voglio dirlo ai lavoratori che hanno scioperato qualche giorno fa, che stiamo lavorando anche per loro. Infine – ha concluso il dg – stiamo vincendo in maniera importante la gara degli ascolti nei confronti di competitor di primo piano”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi