INTERNET: SARKOZY PENSA A G8 DEL WEB

INTERNET: SARKOZY PENSA A G8 DEL WEB
PARIGI
(ANSA) – PARIGI, 17 DIC – Nicolas Sarkozy parte alla conquista del mondo del web. Il presidente francese – si legge oggi sul sito internet del settimanale Le Nouvel Observateur – ha ricevuto ieri per una colazione di lavoro all’Eliseo un gruppo di otto tra blogger e imprenditori del web, proponendo loro un dialogo ” franco e diretto”, ma anche annunciando l’organizzazione di un “G8 del web”, la creazione di un Consiglio digitale e una revisione della legge Hadopi Sulla diffusione delle opere e la protezione dei diritti su Internet. Secondo il Nouvel Obs, nel quadro della presidenza francese del G8, Sarkozy intende invitare a Deauville, nel nord della Francia, i principali attori di internet degli otto Paesi più industrializzati per uno scambio di opinioni e proposte in materia di frontiere fiscali e di sviluppo dell’economia digitale. Per Sarkozy, infatti, non è normale che giganti come Google facciano milioni di euro di benefici in Francia senza pagare le tasse e non è normale che l’Irlanda recuperi le tasse con la sua fiscalità  vantaggiosa. Quanto al Consiglio digitale, nell’idea del presidente dovrà  essere composto da rappresentanti di internet, imprenditori, cittadini, e Ong. Obiettivo? Fornire il proprio parere ogni volta che il governo intraprende un’iniziativa legata al web e alle nuove tecnologie. Mentre su Hadopi, pur “restando fermo sulla protezione dei diritti d’autore”, il capo dell’Eliseo ha riconosciuto che alcune delle attuali disposizioni sono “imperfette” se non “inefficaci” e bisogna pensare ad una “Hadopi 3”. Non una parola invece su Wikileaks. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)