Wikileaks/ Bank of America teme attacchi e registra domini web

Wikileaks/ Bank of America teme attacchi e registra domini web
Istituto vuole proteggersi da effetti di eventuali cable WikiLeaks

New York, 23 dic. (Apcom) – Nel tentativo di tutelarsi dai possibili effetti negativi degli annunciati cablogrammi di WikiLeaks, Bank of America ha registrato centinaia di domini web che potrebbero essere utilizzati per offendere i dirigenti e membri del consiglio d’amministrazione dell’istituto. È quanto sostengono diverse aziende internet che tracciano la compravendita dei domini. Il 17 dicembre scorso sono stati registrati più di 300 indirizzi online che associano i nomi propri dei dirigenti della banca ai termini ‘sucks’ e ‘blows’ -che significano entrambi ‘fa schifo’. Tra gli indirizzi anche alcuni ‘irrispettosi’ nei confronti dell’amministratore delegato dell’istituto Brian Moynihan, come BrianMoynihanBlows.com e BrianMoyinihanSucks.com. La banca è sotto inchiesta per possibili irregolarità  nella sua gestione dei mutui; recentemente è stata querelata dai procuratori dell’Arizona e del Nevada per presunte pratiche fraudolente. Si pensa che Bank of America sia uno dei prossimi obiettivi del sito di Julian Assange, WikiLeaks.

A24-Zap

231707 dic 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi