Media/ Nel 2010 uccisi 105 giornalisti, meno che nel 2009

Media/ Nel 2010 uccisi 105 giornalisti, meno che nel 2009
Messico e Pakistan sono i paesi più pericolosi

Ginevra, 27 dic. (Apcom) – Nel 2010 sono stati 105 i giornalisti uccisi “sul campo” nei 33 paesi esaminati dall’ong ‘Presse emblème campagne (PEC)’ con sede a Ginevra. Il bilancio è inferiore a quello del 2009, quando furono 122 i giornalisti assassinati, ma superiore a quello del 2008, con 91. “La comunità  internazionale non ha ancora trovato gli strumenti per mettere fine” a questo fenomeno, denuncia il segretario generale della PEC, Blaise Lempen: “Mancano ancora meccanismi efficaci per indagare rapidamente e processare gli autori di questi crimini”. Con 14 giornalisti uccisi il Messico e il Pakistan guidano questa tragica classifica. Seguono l’Honduras, con 9 giornalisti assassinati, e l’Iraq, con 7. Altri paesi particolarmente rischiosi per questa professione sono le Filippine, la Russia e la Colombia. In cinque anni sono 529 i giornalisti che hanno pagato il loro lavoro con la vita.

(fonte afp)

Fcs

271143 dic 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale