WIKILEAKS ALLA GENOVESE, FUGA DI DOCUMENTI SU INDYMEDIA

CRO:WIKILEAKS ALLA GENOVESE, FUGA DI DOCUMENTI SU INDYMEDIA
2011-01-03 15:59
WIKILEAKS ALLA GENOVESE, FUGA DI DOCUMENTI SU INDYMEDIA
PUBBLICATA LETTERA RISERVATA SU RISARCIMENTI DISASTRO AMBIENTALE
GENOVA
(ANSA) – GENOVA, 3 GEN – Prosegue la “wikileaks” alla genovese con una nuova fuga di documenti dall’ufficio dell’avvocato genovese Vincenzo Roppo, pubblicati dal sito Indymedia. In questo caso si tratta di una lettera inviata alla società  di revisione Reconta Ernst & Young spa e alla Syndial (gruppo Eni). Già  in passato il sito aveva pubblicato documenti provenienti dall’ufficio dell’avvocato e questi aveva presentato denuncia, tanto che la procura di Genova ha aperto un fascicolo. Nel carteggio l’avvocato scrive alla Reconta Ernst & Young spa e alla Syndial in merito a un risarcimento milionario chiesto dalla presidenza del Consiglio dei ministri e dal ministero dell’Ambiente per il distastro ambientale causato nel 1984 da uno stabilimento Eni ad Avenza, in provincia di Massa Carrara, e per cui è in corso una causa civile alla Corte di appello di Genova. Secondo quanto si legge nel documento pubblicato “nell’ambito della suddetta causa, hanno rivolto domande nei confronti di Syndial sia il ministero dell’Ambiente (risarcimento del danno ambientale di 93,3 milioni di euro), che la presidenza del Consiglio (rimborso delle spese di bonifica sostenute) e il Comune di Carrara (risarcimento dei danni morali e materiali in misura pari a circa 235 milioni di euro e condanna al ripristino dello stato dei luoghi)”. (ANSA).
Y9L-AN/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)