Ungheria/ Ue non esclude di sanzionare Budapest su legge media

Ungheria/ Ue non esclude di sanzionare Budapest su legge media
Commissione ha inviato già  lettera a governo magiaro

Bruxelles, 4 gen. (TMNews) – La Commissione europea non esiterà  ad aprire una procedura d’infrazione nei confronti dell’Ungheria se la sua nuova legge sui media dovesse confliggere con le normative europee in materia. L’ha assicurato oggi il portavoce della commissione Olivier Bailly. “Se c’è un’infrazione del diritto comunitario, la commissione aprirà  una procedura e il fatto che l’Ungheria presieda l’Ue non avrà  alcuna incidenza”, ha spiegato il portavoce. Budapest nei primi sei mesi di quest’anno ricopre la presidenza di turno dell’unione. La commissaria europea alla concorrenza Neelie Kroes ha espresso il 23 dicembre in una lettera al governo magiaro le sue perplessità  sulla legge, che è stata duramente criticata dalle organizzazioni non governative di difesa dei giornalisti. Kroes, che è responsabile del settore, si recherà  giovedì a Budapest per avere degli incontri col ministro responsabile, ha annunciato Bailly. L’incontro si terrà  alla vigilia di una riunione formale tra il presidente della commissione José Manuel Durao Barroso e il governo ungherese. (segue) (Fonte Afp)

Mos

041557 gen 11
 
 
Ungheria/ Ue non esclude di sanzionare Budapest su legge… -2-
Giovedì missione commissaria europea competente

Roma, 4 gen. (TMNews) – Oggi il segretario di stato ungherese con delega alle comunicazioni Zoltan Kovacs ha dichiarato che il governo non intende cedere alle critiche internazionali e intende applicare la norma, che imputa all’autorità  di controllo sui media – di nomina politica – il diritto di elevare multe contro testate giornalistiche che violino alcuni non meglio definiti criteri. Bailly, dal canto suo, ha affermato che Budapest non potrà  lavarsene le mani. L’Ungheria, ha spiegato il portavoce, ha l’obbligo di trasmettere formalmente la legge alla commissione, che dovrà  verificare se “traspone correttamente la legislazione europea”. Altrimenti, la commissione verificherà  “di propria iniziativa” la conformità  al diritto europeo. In questa fase, ha spiegato ancora il funzionario europeo, Budapest e Bruxelles sono ancora in fase di discussione. Tuttavia, alla fine la commissione dovrà  esprimere una sua posizione. “O – ha concluso Bailly – la legge è conforme al diritto comunitario, o ci sono dei dubbi sulla conformità  e la commissione si riunirà  per decidere d’aprire una procedura d’infrazione attraverso una lettera di messa in mora”.
(Fonte Afp)

Mos

041557 gen 11

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi