CALABRIA/EDITORIA: ASS.SESSA, METROSAT VERSO LA CHIUSURA?

CALABRIA/EDITORIA: ASS.SESSA, METROSAT VERSO LA CHIUSURA?
(ASCA) – Cosenza, 5 gen – ”La situazione di difficoltà  dell’emittente televisiva ‘Metrosat’ si fa sempre più evidente e preoccupante”. Lo denuncia il Direttivo dell’associazione dei giornalisti cosentini, Maria Rosaria Sessa’, precisando che ”dopo le dimissioni di una collega giornalista e il licenziamento di un operatore di ripresa nell’agosto del 2009 con la contestuale chiusura della sede distaccata della televisione a Rossano, in questi giorni dobbiamo registrare il licenziamento di un altro giornalista”. ”Questo ennesimo, grave episodio – avverte il Direttivo – accresce i timori che si sia avviata una fase di declino definitivo di questa emittente. I segnali che si muovono in questa direzione appaiono sempre più numerosi: basti pensare, ad esempio, al fatto che il telegiornale viene confezionato, così come ci viene riferito dagli stessi dipendenti dell’emittente, con immagini di repertorio e che sono sempre più rare ed episodiche le uscite delle troupe per realizzare servizi esterni. Del resto, fanno rilevare fonti interne alla struttura, la volontà  di chiudere o, quanto meno, ridurre il personale e la produzione di trasmissioni si sarebbe manifestata già  nel mancato accreditamento presso il Cosenza calcio, adempimento che si sarebbe dovuto compiere nel luglio scorso, e nella chiusura di una trasmissione sportiva, di una produzione su temi di spettacolo e di una sulle tematiche della vita politica. Sempre più spesso, poi, il palinsesto  è coperto con repliche di trasmissioni. Anche la conduzione della rassegna stampa del mattino ha subito una riduzione: da due giornalisti si  è passati a uno. E ancora, soltanto il 22 dicembre scorso sarebbero stati pagati gli stipendi di luglio e agosto, mentre nulla si sa di quelli degli ultimi quattro mesi. Ecco le ragioni della nostra fondata preoccupazione per quello che, a detta dei lavoratori dell’emittente, si manifesta come un lento declino, una sorta di progressivo spegnimento di una struttura in cui lavorano, ad oggi, quattro giornalisti, quattro operatori, un montatore, due tecnici e un regista. Se la preoccupazione dei lavoratori di ‘Metrosat’ dovesse diventare realtà , così come questa sorta di abbandono lascerebbe purtroppo prevedere, si finirebbe – continua l’associazione – per apportare un duro colpo all’occupazione nella nostra provincia proprio in un settore come quello dell’informazione e della comunicazione che ha bisogno come dell’aria di presenze pluraliste a garanzia della libertà  e della democrazia”.
red/red/alf

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi