- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

FLI: BRIGUGLIO, METODO BOFFO NON MORTO. DOSSIER PANORAMA SU ME E GRANATA

FLI: BRIGUGLIO, METODO BOFFO NON MORTO. DOSSIER PANORAMA SU ME E GRANATA
(ASCA) – Roma, 5 gen – ”Il cosiddetto metodo Boffo non  è morto, anzi…”. Ne  è convinto Carmelo Briguglio, capo della segreteria politica di Fli, che, interpellato dall’Asca, denuncia: ”Il settimanale Panorama sta contattando in Sicilia avversari politici sul territorio, giornalisti e redazioni locali, allo scopo di scovare informazioni su di me, Fabio Granata e sui nostri familiari, e realizzare contro di noi un dossier”. Una denuncia che arriva proprio all’indomani dell’apertura, da parte della Procura di Roma, di un fascicolo per diffamazione a mezzo stampa e tentata estorsione nei confronti del presidente della Camera e leader di Futuro e Libertà , Gianfranco Fini. ”Nei giorni scorsi si sono fatti vivi con me e con il compagno di partito Granata giornalisti di Panorama ponendo domande indagatorie su attività  lavorative dei nostri familiari – riferisce ancora Briguglio -. Il metodo Boffo non  è morto, ma viene ancora applicato contro oppositori e dissenzienti dal premier”. ”Si tratta di un metodo – continua l’esponente finiano – che altera la democrazia politica italiana, dove resta irrisolta l’anomalia di un presidente del Consiglio capace di armare la stampa di famiglia contro tutti coloro che ritiene essere suoi ‘nemici”’. Briguglio assicura di ”non avere nulla da temere né tanto meno da nascondere”, ma promette una ”articolata querela alla magistratura – se ci saranno gli estremi – non solo nei confronti degli esecutori materiali del dossier, ma anche e soprattutto verso il mandante politico”.
jan/cam/alf