MAFIA: 27 ANNI FA UCCISO FAVA, CATANIA RICORDA GIORNALISTA LIBERO

MAFIA: 27 ANNI FA UCCISO FAVA, CATANIA RICORDA GIORNALISTA LIBERO
(AGI) – Catania, 5 gen. – Una serie di iniziative oggi a Catania per ricordare il giornalista e scrittore Giuseppe Fava, ucciso dalla mafia la sera del 5 gennaio 1984 davanti all’ingresso del teatro ‘Stabile’. Aveva appena parcheggiato la sua Renault 5 e stava per aprire lo sportello quando un killer sparò attraverso il finestrino cinque colpi calibro 7,65 che lo colpirono al collo e alla nuca. In quegli anni Pippo Fava era un giornalista scomodo: attraverso i ‘Siciliani’, mensile da lui fondato un anno prima, conduceva inchieste contro l’intreccio tra mafia, affari e politica. Le manifestazioni in memoria di Fava si sono aperte nel suo paese di origine, Palazzolo Acreide, in provincia di Siracusa, con un dibattito sulla libertà  di informazione, per poi proseguire a Catania con un presidio sul luogo dell’agguato e altri dibattiti sempre sul tema del giornalismo libero.  Per il delitto la prima Corte d’Assise di Catania ha condannato il boss Nitto Santapaola e Aldo Ercolano, ritenendoli mandanti, e Marcello D’Agata, Francesco Giammuso e Vincenzo Santapaola, come organizzatori ed esecutori dell’omicidio. La Corte d’appello di Catania ha poi confermato le condanne all’ergastolo per Nitto Santapaola e Aldo Ercolano, mentre ha assolto D’Agata, Giammuso e Vincenzo Santapaola, che in primo grado erano stati condannati all’ergastolo. La sentenza  è stata confermata in Cassazione nel novembre del 2003. Giuseppe Fava, nato il 15 settembre 1925, si era laureato in Giurisprudenza nel 1947 ed era diventato giornalista professionista nel 1952. Al mestiere aveva affiancato anche un’intensa attività  di scrittore, drammaturgo e regista teatrale. (AGI) Ct1/Rap/Mzu

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi