Tlc: esaurita l’Ipo di Facebook

MILANO (MF-DJ) – Tutto esaurito per l’offerta di azioni Facebook. Secondo Cnbc la domanda ha superato di tre volte l’offerta di titoli e quindi quest’ultima si e’ chiusa in tempi record con pieno successo. E con l’aggiunta che agli acquirenti e’ stato comunicato che le quote di azioni assegnate saranno inferiori a quelle richieste. Come si legge in un articolo di MF, a Wall Street, dove la decisione di Goldman di offrire azioni solo alla clientela selezionata ha infastidito molti, non sono in tanti a credere che la Sec blocchera’ l’intera iniziativa. L’authority Usa sui mercati finanziari ha infatti lanciato un’inchiesta preliminare sulla vendita di azioni di societa’ non quotate, ma solo Charlie Gasparino di Fox News si e’ spinto a dire che esiste un 50% di probabilita’ che lo speciale fondo creato dalla banca newyorkese per i suoi investitori in azioni Facebook possa venir bloccato dalla Sec e considerato una violazione della legge che impone alle societa’ non quotate di non superare i 500 azionisti o in alternativa presentare i propri bilanci al pubblico. Lisa Bayer, presidente della Class V Group nella Silicon Valley, che fa da advisor per la quotazione in borsa di societa’ tecnologiche, pensa che “nessuno sia contrario a una quotazione, ma credo che ci siano un paio di grosse societa’ come Zynga e Groupon che possono accedere al mercato dei capitali in altro modo. E queste aspettano saggiamente, secondo me, di essere pronte” prima di arrivare alla quotazione. Goldman Sachs si e’ anche premurata di includere nel prospetto presentato ai clienti che investiranno nello speciale veicolo ad hoc, che raccogliera’ azioni della societa’ lanciata da Mark Zuckerberg, che la banca stessa “potrebbe ridurre in qualunque momento la sua esposizione a Facebook senza informare di questo il fondo o i suoi investitori”. E il Wall Street Journal ha rivelato ieri che una divisione della stessa banca ha rifiutato l’offerta di una quota azionaria nel social network, prima che venisse offerta alla sua clientela.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)