WIKILEAKS: ASSANGE, SITO PERDE MEZZO MILIONE DI EURO A SETTIMANA

Condividi

WIKILEAKS: ASSANGE, SITO PERDE MEZZO MILIONE DI EURO A SETTIMANA

(AGI/AFP) – Ginevra, 10 gen. – Da quando ha cominciato a pubblicare i cablogrammi riservati della diplomazia americana, Wikileaks perde mezzo milione di euro a settimana. Lo ha riferito il fondatore, Julian Assange, in un’intervista ai quotidiani svizzeri Tribune de Geneve e 24 Heures.

Il 39enne australiano ha ribadito che le pressioni “personali” che sta ricevendo rafforzano la sua determinazione, “ma dal punto di vista finanziario e’ un’altra storia”. “Stiamo perdendo piu’ di 600mila franchi (481mila euro) a settimana dalla pubblicazione dei dispacci, per continuare la nostra attivita’ avremmo bisogno di trovare un’altra strada per riavere indietro quei soldi”, ha sottolineato l’ex hacker. Anche se Assange non ha spiegato il motivo per il quale Wikileaks stia finendo in rosso, probabilmente cio’ e’ legato al fatto che diverse banche e societa’ di intermediazione finanziaria hanno interrotto i loro rapporti con il sito, rendendo piu’ difficile la raccolta di fondi.

Il fondatore di Wikileaks e’ agli arresti domiciliari nel Suffolk: sulla sua testa pende una richiesta di estradizione da parte della Svezia dov’e’ accusato di molestie sessuali. Intanto, negli Stati Uniti sarebbe stato creato un grand jury per incriminarlo per spionaggio.

In un’intervista al Sunday Times, nel dicembre scorso, Assange aveva gia’ parlato delle difficolta’ finanziarie che lo avevano costretto a firmare accordi per la pubblicazione della sua autobiografia pari a 1 milione e 200mila euro. “Non ho ancora ricevuto quei soldi”, ha spiegato alla stampa svizzera, “li avro’ nel giro di due anni se il mio libro diventasse un successo”. Assange ha negato i rumor circa una sua richiesta di asilo alla Svizzera: “Sto ancora decidendo quale Paese potrebbe essere il piu’ appropriato in termini di sicurezza per me e la mia squadra”, ha spiegato, “la Svizzera rimane una possibilita’, ma non escludiamo neppure l’Australia”. (AGI) Rm2/Rmi/Sar