RAI2: LIOFREDI, SANTORO GRANDE SUPPORTO PER RETE; X-FACTOR ADDIO

Condividi

RAI2: LIOFREDI, SANTORO GRANDE SUPPORTO PER RETE; X-FACTOR ADDIO

(AGI) – Roma, 14 gen. – Michele Santoro e il suo ‘Annozero’ e’ un grande supporto per Raidue; per ‘X Factor’, dopo quattro stagioni, ecco arrivato il momento dell’addio; per Francesco Facchinetti l’ipotesi di condurre un nuovo programma, in seconda serata; e per l’Eurofestival potrebbe anche essere Marco Mengoni a rappresentare l’Italia. E in piu’ ci sono i risultati di ascolti a dargli ragione. E’ un Massimo Liofredi a tutto tondo nell’intervista che da direttore di Raidue ha concesso al sito www.davidemaggio.it per tracciare un bilancio sulla sua direzione e anche per annunciare importanti novita’ per il palinsesto di Raidue. E sembrano davvero solo un ricordo, quasi ‘preistoria’ visti i tempi Rai, le voci che volevano in bilico la sua poltrona in viale Mazzini. “Mi sono difeso con i risultati – dice Liofredi – Io sono arrivato il 23 luglio 2009. In 76 settimane di direzione ne ho vinte 66 contro Italia1 e 55 contro Rai3. Nella prima parte del 2010, Rai2 e’ stata la rete che ha prodotto di piu’. E non ci dimentichiamo “2” (programma di duetti musicali tra big della canzone che sara’ riproposto anche nel 2011, ndr), la serata dedicata a Karol Wojtyla e quella a Luciano Pavarotti”. Dire Raidue significa anche dire Michele Santoro, e nell’intervista Liofredi non si nasconde: “Santoro e’ un precursore, un grande giornalista. Fa una televisione futuristica. ‘Annozero’ rappresenta un brand della rete, una prima serata importante che da’ grossi risultati alla rete. Noi abbiamo vinto la seconda garanzia per lo 0.29 grazie a Santoro, per lo 0.10 grazie a Rai2. Come dire, ci da’ un grande supporto, ma anche la stessa Rai2 – precisa Liofredi – si difende bene”. (AGI) Vic (Segue)

RAI2: LIOFREDI, SANTORO GRANDE SUPPORTO PER RETE; X-FACTOR ADDIO (2)

(AGI) – Roma, 14 gen. – A questo proposito, in ambienti di Raidue si sottolinea che dall’estrema diffidenza tra Liofredi e Santoro con cui si era partiti con la conferenza stampa di settembre 2009 (i due di fatto si ignorarono in occasione della presentazione dell’allora stagione di ‘Annozero’, ndr) si e’ ora a una fiducia reciproca, ferme restando le reciproche caratteristiche, in un rapporto di collaborazione tra un giornalista di punta e un ‘uomo-macchina’ della televisione. Nell’intervista Liofredi parla anche di ‘X-Factor’, progetto che costa e che pero’ ha perso appeal, e puo’ dirsi ormai destinato al pensionamento. Tanto e’ vero che il direttore annuncia “non credo che lo riproporremo. Il problema principale e’ stato una controprogrammazione estremamente forte. Il prodotto era godibile e il marchio e’ forte, pero’ l’azienda deve confrontarsi con dei tagli di budget enormi. Come direttore di rete devo rivisitare le possibilita’ e le opportunita’ del budget di Rai2 cercando soluzioni diverse. Con spazi economici differenti, possiamo trovare formati che ci diano la stessa soddisfazione. Potrei metterci mano io stesso”. Ma per il conduttore Facchinetti potrebbe arrivare ‘Sbarre’, nuovo programma che dovrebbe andare in seconda serata e che “a livello sociale e’ molto importante. E’ la storia di alcuni ragazzi che hanno avuto a che fare con la legge e che vivranno per uno o due giorni in carcere con un condannato di lungo periodo. L’obiettivo e’ per far capire loro cosa hanno rischiato nella vita, portando un esempio positivo all’esterno. Il mercato televisivo, d’altronde, sta cambiando. La politica e’ diventata predominante e ci sono delle trasmissioni che sono cresciute esponenzialmente”. Infine l’Eurofestival: “Mi sono fatto promotore del progetto dopo che un alto dirigente Rai mi chiese cosa ne pensassi. Ne fui subito entusiasta”. E se Liofredi potesse scegliere personalmente chi far cantare in rappresentanza dell’Italia, allora “manderei Marco Mengoni”. Pero’ una voce l’avra’ anche una commissione su Sanremo che scegliera’ se mandare il vincitore del Festival o qualcun altro. Comnque l’Eurofestival “e’ un bel ritorno di un grande evento internazionale che aveva una grande presa. Vorremmo riportare quel glamour”. (AGI) Vic