VimpelCom: Bishara conferma Cda domenica su fusione con Wind Telecom

Condividi

14 Jan 2011 17:21 CEST VimpelCom: Bishara conferma Cda domenica su fusione con Wind Telecom
MOSCA (MF-DJ)–Il Consiglio di amministrazione della societa’ di telefonia mobile russa VimpelCom si riunira’ domenica prossima per discutere di un nuovo accordo per la fusione con Wind Telecom, holdinf del miliardario egiziano Naguib Sawiris.

Lo ha affermato Khaled Bishara, presidente di Wind Telecom, confermando indiscrezioni di stampa.

La precedente proposta di fusione da 6,8 mld usd finalizzata alla creazione di uno dei piu’ grandi operatori di telefonia mobile al mondo ha incontrato uno dei principali ostacoli a dicembre, quando Telenor, maggior azionista di VimpelCom, ha espresso la sua contrarieta’ a procedere con l’operazione. In origine la proposta avrebbe concesso a Wind Telecom, nuova denominazione di Weather Investments, posti in Cda, 1,8 mld usd in contanti e 326 mld di azioni ordinarie VimpelCom, attualmente del valore di 5 mld usd. Nel caso l’accordo originario fosse andato in porto con successo la nuova VimpelCom sarebbe arrivata a detenere 174 milioni di abbonati tra Russia, Italia e Medio Oriente, rendendola il quinto fornitore di telefonia mobile al mondo con ricavi operativi netti per 21,5 mld usd sulla base dei dati del 2009.

Nell’ambito del nuovo piano, secondo una fonte a conoscenza del dossier, Sawiris non otterra’ alcun posto nel consiglio della nuova VimpelCom e vedra’ ridotto il pagamento in contanti, ma otterra’ azioni privilegiate con diritto di voto oltre alle azioni ordinarie promesse inizialmente. Una seconda fonte ha riferito ha confermato la concessione delle azioni privilegiate ma non la riduzione dell’offerta in contatti e la mancanza di posti in Cda per Wind. Bishara ha affermato alla Dow Jones Newswires che Wind Telecom ha gia’ dato la sua risposta a VimpelCom in merito all’accordo riveduto, i cui dettagli si e’ rifiutato di discutere in dettaglio. Il manager, se da una parte ha confermato la riunione del Cda di VimpelCom, ha escluso dall’altra un’analoga riunione per l’organo di amministrazione di Wint Telecom durante il week-end.

Secondo gli analisti, il complicato progetto di fusione, poiche’ riguarda numerosi mercati emergenti, deve ancora affrontare diversi ostacoli, tra i quali l’incombente minaccia di nazionalizzazione di Djezzy, divisione algerina principale fonte di entrate della controllante Orascom Telecom, di cui Wind Telecom detiene oltre il 50%.

“Mentre la notizia potrebbe essere presa come un’indicazione del fatto che le parti che sono piu’ vicine al completamento dell’affare, non crediamo che riduca la probabilita’, che stimiamo intorno al 60%, che l’operazione non vada in porto”, affermano gli analisti di Troika Dialog aggiungendo come sia “possibile che il Cda di Wind Telecom rifiuti la nuova offerta”.

Un portavoce di Telenor si e’ rifiutato di rilasciare commenti sull’operazione al pari sia di VimpelCom che del suo secondo azionista principale, Altimo, una divisione del conglomerato russo Alfa Group. red/est/mur rosario.murgida@mfdowjones.it

 
 
(END) Dow Jones Newswires

January 14, 2011 11:21 ET (16:21 GMT)

Copyright (c) 2011 MF-Dow Jones News Srl.